E’ successo ieri mattina a Genova, più specificatamente presso il quartiere Borgoratti, dove due giovani ragazze, rispettivamente di 25 anni e 17 anni sono state trovate prive di sensi in un appartamento. Ad allertare il 118 è stato proprio il proprietario di casa, il quale si è dimostrato subito ignaro all’accaduto.

La 25 enne di origine venezuelane è stata rianimata sul posto dai soccorritori, anche se le sue condizioni destano preoccupazione mentre per la 17 enne di origine ecuadoriana, il suo quadro clinico è apparso fin da subito molto critico. Trasportate d’urgenza in ospedale, la minorenne purtroppo, non ce l’ha fatta. E’ deceduta nella notte, mentre le condizioni dell’altra ragazza sono peggiorate da qualche ora.

Al momento sono da chiarire le cause che ha portate le due giovani donne al malore, ma non si esclude l’overdose, un mix di sostanze stupefacenti. Ma per poter avere conferma di ciò, bisognerà attendere l’esito degli esami tossicologici. Il caso è stato affidato ai Carabinieri di Genova.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la giovane 25 enne aveva lavorato presso quell’appartamento per alcuni mesi prendendosi cura di una donna. Ma la donna che accudiva è morta, e la ragazza non sapendo dove andare aveva chiesto al marito della donna assistita se poteva rimanere nell’appartamento.

Lui le aveva lasciato le chiavi di casa e sembra che proprio ieri, senza che il proprietario di casa se ne accorgesse, la venticinquenne avrebbe portato con sé l’amica minore.

La diciassettenne viveva a Genova con la famiglia, la quale è stata subito allertata dai militari