Gli animali e l'emergenza maltempo

    L’emergenza maltempo ha letteralmente messo in ginocchio l’Italia. La Liguria e la Toscana sono le regioni maggiormente colpite ed è ormai noto che vi sono state anche delle perdite umane.

    Senza rischiare di creare polemiche su un argomento così delicato è doveroso dire che dopo aver fatto i conti con l’emergenza umana, si passa a fare i conti con quella animale. Al di là dei cani e dei gatti randagi vittime del maltempo, il cui numero sarà difficile quantificare, il canile di Groppoli, in Toscana, sembra avere avuto maggiori problemi. La struttura è stata fortemente colpita dalla pioggia e il 70% del canile è andato completamente distrutto, quattro cani sono stati trovati annegati e circa venti sono dispersi.

    “Nemmeno nuotando possono avercela fatta, la corrente era troppo forte. Mancano acqua e luce, ma ci vorrà di più per il rifacimento delle fognature. Al momento non mancano cibo, né coperte, ma abbiamo dato vita a una raccolta di fondi“. Con queste parole, Cristina Bruschi, presidentessa dell’Associazione Nazionale Tutela Animali di Massa Carrara, descrive la situazione.

    Adesso la maggiore preoccupazione è per i cani dispersi, molti dei quali sono stati avvistati, ma di altri non c’è traccia e per quelli rimasti al canile, i quali adesso verranno spostati in una struttura provvisoria adibita a canile, ma la parte più difficile verrà quando bisognerà dare a questi cani una nuova casa. A tal proposito, per chi volesse dare il proprio aiuto è possibile contattare Carlo Restani, dell’ENPA di Firenze, al numero 055213296.

    Il maltempo, però, non sembra voler dare tregua e nelle prossime ore sono previste ulteriori precipitazioni, non solo nelle regioni del nord. Per questo motivo, oltre alle normali precauzioni da prendere per la propria tutela, sarebbe importante dare il proprio contributo aiutando i randagi in difficoltà. Potremmo adibire cucce provvisorie per dare riparo o ospitare momentaneamente cani e gatti nei nostri palazzi o meglio ancora nelle nostre case.

    Nei momenti d’emergenza l’Italia ha sempre dimostrato un grandissimo spirito di collaborazione e solidarietà, per quanto la situazione sia difficile, cerchiamo di non dimenticare i nostri amici animali!

    Ricerca personalizzata