Governo vara il piano per il sud

    E’ stato approvato all’unanimità, ieri, in tarda mattinata, il cosiddetto “Piano per il Sud”, dal consiglio dei ministri, che era stato convoctao, proprio per dar seguito a uno dei famosi cinque punti, approvati dalla maggioranza, il 29 settembre scorso, qunado il governo aveva incassato la fiducia anche dei finiani.

    Ora, sostiene il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, si è attuato tutto quanto era stato richiesto e concordato con i finiani di Futuro e Libertà, un eventuale loro voto contrario al governo, il 14 dicembre, sarebbe, dunque, incomprensibile, ribadisce il premier.

    Il piano per il sud, in effetti, è una mossa politica molto importante, perchè fà venire meno molte delle critiche che Fli aveva rivolto al governo, nelle settimane scorse.

    Il piano prevede un sostegno pluriennale allo sviluppo del meridione, con 80 miliardi, che andrebbero a realizzare opere infrastrutturali, quali la Catania-Palermo, la Napoli-Bari-Taranto, oltre a numerose infrastrutture, nell’ambito dell’edilizia sanitaria e scolastica.

    Dato l’ok per la nascita della “Banca del Sud”, che dovrebbe nascere, nei giorni prossimi, grazie a un accordo con Poste Italiane e Mediocredito.

    Ricerca personalizzata