Grillo, contro la Boldrini insulti e minacce

Non era bastata la rissa in aula per dare una degna dimostrazione dei livelli di bassezza raggiunti dalla politica italiana dopo l’ingresso dei grillini, ora sono arrivati anche gli insulti alla Presidentessa della Camera dei Deputati Laura Boldrini.

Ma la vicenda inizia tre giorni fa a Montecitorio, quando i Deputati del MoVimento decidono di fare ostruzionismo e di impedire la votazione del DL: Imu/ Bankitalia. La Boldrini a quel punto ha fatto scattare la cosiddetta ghigliottina fermando le richieste di intervento dei Grillini e passando subito alla votazione. Dopo le scene pietose sfociate in rissa Grillo non ha perso tempo e ha definito la Boldrini una “senza dignità” sul suo blog.

Infine durante la giornata di ieri un attivista del MoVimento ha realizzato un video in cui fingeva di essere in automobile con la Presidentessa della Camera. Grillo ha subito pubblicato il corto sul suo Blog e, vista l’esagitazione generale dei sostenitori pentastellati in neanche cinque minuti la pagina si è riempita di commenti che inneggiavano alla violenza e allo stupro della Boldrini. Alcuni commenti sono davvero impossibili da riportare mentre i più blandi continuavano a definirla inadeguata e la dileggiavano con epiteti volgari, come nella miglior tradizione del blog in questione.

Immediate le reazioni su tutti i fronti, mentre i commenti continuavano ad essere postati senza alcuna limitazione, se non la rimozione dei più eclatanti da parte dei moderatori, sono arrivati messaggi di sostegno da tutte le fazioni politiche. Con la Boldrini si è schierato Nichi Vendola insieme a Sinistra Ecologia e Libertà, il Partito Democratico e Forza Italia con il messaggio personale di Mara Carfagna, che ha definito questi fatti inaccettabili. Alle 19 di ieri sera i commenti sono stati rimossi e lo staff online del M5S si è distaccato dalle dichiarazioni e dai commenti postati dai militanti.

Sulla vicenda è intervenuto anche il Premier Enrico Letta, che ha condannato nettamente le azioni dei Grillini, ricordando che nel nostro paese la Democrazia fa sì che un gruppo minoritario non possa ostacolare l’azione di governo della maggioranza, né tanto meno ipotizzare l’occupazione della Camera, proposta caldeggiata da diversi militanti. Anche i social si sono divisi lanciando da parte di Grillo l’hastag #boldriniacasa e dalla parte della Boldrini la parola chiave #iostoconlaura.

Grillo ha poi aggiunto che in questo momento si sta conducendo un’azione mirata contro il Movimento Cinque Stelle e si vuole mettere a tacere una voce condivisa da moltissimi italiani.

Ricerca personalizzata