Il destino di Final Fantasy XIII

    Come nei altri titoli della saga, anche l’ultimo capitolo uscito di Final Fantasy “FFXIII” ha ricevuto in Giappone la consacrazione della pubblicazione del libro Ultimania Omega, contenente interviste e making of del JRPG.

    Sulle pagine di questo libro si parla anche di ciò che era previsto e che poi invece non è mai stato realizzato nel gioco, ovvero la Settima Arca.

    Inzialmente questa locazione era prevista come parte del progetto originale del gioco, e sarebbe dovuta essere raggiungibile attraverso un portale situato verso la fine della storia, immediatamente prima dello scontro col Boss finale. In seguito si è scelto di rilasciare il gioco senza questo contenuto per distribuirlo successivamente sottoforma di DLC, salvo poi cancellarlo del tutto: della Settima Arca sono rimasti solo un paio di screenshot del work-in-progress visibili su Ultimania Omega.

    Comunque, durante in un’intervista con Yoshinori Kitase, veniamo a conoscenza del fatto che Square Enix sarebbe disponibile, se qualora si parlasse di una forte richiesta da parte dei fan, alla realizzazione di un sequel, un po’ come accadde per FFX (con FFX-2) o FFVII (con Dirge of Cerberus). Questo ovviamente trascende dalla realizzazione degli altri due titoli della serie Fabula Nova Cristallis, ossia FF Versus XIII e FF Agito XIII.

    Ricerca personalizzata