Il MUSTer di FiordiRisorse. Intervista a Osvaldo Danzi

Danzi, noi la cortesia di ospitarLe questa intervista gliela facciamo giusto perché collabora con noi, ma c’è tutto questo bisogno di Master?

Direi proprio di no. Infatti noi ci siamo inventati il MUSTer, che è un’altra cosa.
In breve: incontro decine di candidati al mese, alcuni dei quali già un paio di anni fa si riproponevano di investire la loro liquidazione in costosissimi master al fine di ricollocarsi “più facilmente nel mondo del lavoro”. Poi ho iniziato a tracciare le pubblicità di questi Master, soprattutto quelli delle business schools più qualificate e sono inorridito nel verificare come tutte puntassero al nervo scoperto delle persone: il lavoro che avevano appena perso. Con gli amici di FiordiRisorse, un network professionale che oggi raccoglie oltre 5000 persone abbiamo attivato tutte le nostre conoscenze aziendali e personali e abbiamo progettato un percorso a bassissimo costo e di altissimo valore.

In pratica, avete chiamato qualche bravo professore di vostra conoscenza.

“professori”ce ne saranno al massimo un paio in tutto il percorso. Il valore aggiunto del MUSTer sta proprio nella condivisione di esperienze fra le Persone con le Aziende. Abbiamo coinvolto anche quest’anno una decina di aziende importanti (Amadori, Monnalisa, Honda, H-Farm, Ruffino, Academia Barilla, Lombardini Motori, Banca Popolare EmiliaRomagna, Avanzi, Carpigiani..) intorno ad argomenti manageriali che vanno dalla comunicazione alla leadership, dalla lean alle vendite, dai nuovi modelli di organizzazione aziendale al social media marketing e abbiamo chiesto di farci raccontare direttamente dai loro manager “come hanno fatto a…” A questi, abbiamo poi affiancato formatori internazionali, giornalisti, chef, tanti imprenditori e opinion leader dei vari settori.

Una versione evoluta della classica marchetta aziendale.

Considerando che nessuno di noi fa di mestiere il formatore, a differenza di alcune situazioni in cui si convocano le aziende a parlare anche se non hanno nulla da dire per poi in realtà creare una sorta di “vincolo di riconoscenza” per farsi sponsorizzare qualcosa, noi abbiamo scelto attentamente le aziende che volevamo nel MUSTer. Siamo stati molto chiari nel chiedere testimonianze concrete, pochissime slides, niente numeri, niente promozioni. Inoltre le aziende ci apriranno le porte dei loro stabilimenti e potremmo anche visitare le linee produttive. Per questo lo abbiamo promosso come “il primo Master senza lavagne”.

Se è per questo lo presentate come un Master ETICO.

Lo è davvero, per diversi motivi. Perché non prende in giro le Persone promettendo “il ricollocamento in otto mesi”, perché ha un costo davvero accessibile anche per coloro che in questo momento non possono permettersi spese importanti ma hanno bisogno di formazione per riqualificarsi, perché garantisce un networking concreto, perché seleziona aziende che non abbiano implicazioni negative nel sociale (l’anno scorso abbiamo rifiutato una partnership dopo aver saputo come l’azienda stava trattando alcuni dipendenti e quest’anno abbiamo declinato l’invito di un’azienda legata ai servizi militari) e infine perché abbiamo progettato un percorso con “l’occhio di chi assume”. Occupandomi di selezione del personale ho cercato di individuare argomenti e testimonials davvero utili per la formazione manageriale di un candidato. Infine, è etico perché abbiamo chiesto ad alcune aziende di mettere a disposizione alcune borse di studio per Persone che abbiano un minimo di un anno di disoccupazione e un’età over40, che come ben sa, in Italia vuol dire essere “fuori mercato”.

Immagino che con tutta questa beneficenza avrete centinaia di iscritti.

in generale è un ottimo percorso per chi gestisce e coordina altre persone o dipartimenti aziendali e linee di business. Pertanto il MUSTer è consigliato per Persone che abbiano già un’esperienza aziendale almeno minima (2-3 anni continuativi), o per coloro che sono da tanto tempo nella stessa azienda e hanno bisogno di confrontarsi con mercati, competitors e situazioni differenti, o per giovani talenti la cui azienda ha deciso di affidargli ruoli di responsabilità e quindi hanno bisogno di uno sguardo d’insieme.

Nel caso in cui qualcuno fosse arrivato alla fine di questa – chiamiamola – intervista e avesse bisogno di ulteriori informazioni?

I fortunati lettori di questa intervista possono scaricare il programma Programma MUSTer FiordiRIsorse cliccando qui, oppure scrivere una mail a [email protected]
Il 15/11 in Lombardini Motori a Reggio Emilia abbiamo organizzato una mattinata in cui presenteremo alcuni dei testimonials e delle aziende coinvolte nel MUSTer. Per prenotarsi gratuitamente invece si può cliccare qui, ma ho paura che i 100 posti disponibili siano già tutti esauriti.

Danzi, Lei è un po’ sbruffone.
Si dice “engaged”, venga anche Lei al MUSTer, ne ha bisogno.

Ricerca personalizzata