Il numero dei contagiati resta fermo a 229. Episodi di sciacallaggio con furti e truffe online

coronavirus-italiano-infetto-italia
coronavirus-italiano-infetto-italia

“Niente paura, ma solo misure cautelative”, ha affermato l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). “Una cosa è certa: il contenimento è d’obbligo e una probabile pandemia possibile”. Per adesso, il numero dei contagiati è rimasto fermo a 229, come quello dei decessi, fermi a 6. Il capo della protezione civile Andrea Borrelli ha dichiarato: “Per adesso non sono presenti altri focolai”.

Oltre alla situazione di grande tensione e forte disagio della popolazione sottoposta a quarantena nelle zone delle Lombardia dove è partito il focolaio di COVID-19, iniziano anche a scarseggiare i medici di base. Ben sette sono sotto quarantena nel Basso Lodigiano, altri due a Bergamo. Ricoverato il medico di Codogno del 38enne positivo al coronavirus. In Veneto, sono tre i medici sottoposti ad isolamento preventivo.

Nel frattempo, si segnalano episodi di sciacallaggio presso le abitazioni di alcuni anziani. Alcune persone, spacciandosi per operatori sanitari mandati a prelevare campioni col tampone, si sono macchiati di furti nelle abitazioni delle persone prese di mira. Inoltre, la Procura di Milano vuole vederci chiaro sulle cosiddette “manovre speculative”, aprendo in merito un fascicolo. Si tratta di generi di prima necessità per contrastare possibili contagi: gel disinfettanti e mascherine, venduti online a prezzi veramente folli. Per adesso nessun nome, ma soltanto un’indagine a carico di ignoti.

La linea ferroviaria Lodi-Piacenza resterà bloccata a tempo indeterminato. Controlli sanitari e attività precauzionali sono in corso presso la stazione di Casalpusterlengo, chiusa ormai dalle 13.30 di oggi. Stando alle ultime notizie, la circolazione dei treni nella zona rossa sarà notevolmente ridotta.

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha chiesto alla popolazione di servirsi, in caso di informazioni, del numero verde dedicato 800894545, onde evitare di intasare i centralini del 112, quelli realmente preposti per eventuali necessità o emergenza.

Ricerca personalizzata