Immigrati: il punto sulle mosse del Governo

Continua ad essere la questione immigrazione la priorità dell’azione politica del Governo di questi giorni.
Dopo aver preso atto dell‘impossibilità per Lampedusa di accogliere indiscriminatamente tutti i migranti provenienti dalla Tunisia, l’Esecutivo ha deciso di dare una svolta alla vicenda, cercando innanzitutto di limitare l’afflusso e, in secondo luogo, di fare il possibile per permettere a Lampedusa di tornare alla normalitàL’altro ieri il Presidente del Consiglio, accompagnato dal Ministro Maroni, si è recato a Tunisi, dove ha tentato di stringere col Governo locale un accordo per la limitazione delle partenze. Tuttavia la trattativa, durata circa 9 ore, non è stata semplice. L‘interlocutore del nostro Esecutivo è infatti un Governo provvisorio, in carica da poche settimane che, non avendo una legittimazione popolare, non può permettersi di prendere decisioni troppo drastiche.

La rivolta del mese scorso ha infatti provocato uno sbandamento nella popolazione che non deve essere alimentato.
Per questo l’intesa raggiunta è una sorta di compromesso.
Tunisi si è impegnata a controllare le proprie coste e ad impedire le nuove partenze – anche se il controllo effettivo partirà solo nei prossimi giorni, visto che debbono ancora essere reperiti i mezzi – ma, d’altro canto, ha opposto un netto rifiuto all’ipotesi di rimpatri collettivi.

Tornato dalla Tunisia, il Premier Berlusconi ha, nella giornata di ieri, incontrato le Regioni. Il fine era quello di trovare un accordo sul piano di smistamento ed anche questa questione sembra essere stata risolta.
La soluzione sottoscritta prevede che ognuna delle Regioni italiane accolga un certo numero di immigrati, i quali avranno un “permesso di soggiorno temporaneo”, del quale si farà garante il Governo.
Anche le polemiche su un presunto disimpegno delle Regioni settentrionali appaiono sopite.
Gli altri punti del piano non prevedono più l’allestimento delle tendopoli, ed inoltre sarà coinvolta in prima linea la Protezione Civile.

Ora l’impegno del Governo si concentra sul piano europeo.
La concessione  del cosiddetto “articolo 20” infatti– quello che prevede la concessione di un permesso di soggiorno temporaneo della durata variabile da tre a sei mesi – era stata presa in considerazione in virtù del fatto che gli immigrati, una volta ottenuto il permesso, avrebbero potuto liberamente circolare anche negli altri Paesi europei.
La Francia ha subito bloccato la proposta, dichiarando di non essere disposta a concedere l’ingresso indiscriminato nel proprio territorio.

Questo ha spinto il Governo ad attivare tutti i canali istituzionali che permettano all’Italia quantomeno di chiedere all’Unione Europea un intervento coordinato.
Nei prossimi giorni dunque si cercherà di far si che i migranti possano liberamente uscire dal nostro territorio e recarsi anche negli altri Paesi europei.
Tutto questo, mentre le stime parlano di circa 25.800 persone sbarcate fino ad ora, di cui 23.000 provenienti proprio dalla Tunisia.

Ricerca personalizzata