Incassi del weekend: trionfa Sotto una buona stella

Prima posizione prevedibile per Sotto una buona stella e Carlo Verdone, al suo ritorno in sala a due anni da Posti in piedi in Paradiso, 9,3 milioni di euro incassati, ma con numeri più rosei di qualsiasi aspettativa. Gli incassi nel weekend di esordio sono superiori rispetto al film precedente, 4,2 milioni di euro contro i 3 del precedente, per un film che sicuramente punterà al traguardo dei 10. Ottima conferma per Carlo Verdone, da sempre uno dei registi più amati del panorama italiano, ma anche per Paola Cortellesi, co-protagonista del film, che ritroviamo in un altro grande successo, dopo l’exploit di Un boss in salotto.

Incassi del weekend: Trionfa Sotto una buona stella

Medaglia d’argento, ma sicuramente soddisfatto, vista anche la concorrenza agguerrita, per George Clooney e il suo The monuments men, di cui l’attore è regista e interprete insieme a Matt Damon, Jean Dujardin, Bill Murray e Cate Blanchett, che incassa nel suo primo weekend più di 1,5 milioni di euro. Completa il podio Belle e Sebastien, alla terza settimana di programmazione, che perde la vetta, ma, grazie ad un’ottima domenica, continua a rimanere in alto, con un weekend da un milione di euro e un totale che sfiora i 6.

Incassi del weekend: Trionfa Sotto una buona stella

Visti i pessimi risultati americani e la stroncatura unanime della critica, non si può certo lamentare Storia d’inverno, film d’esordio dello sceneggiatore Akiva Goldsman con un cast da urlo, che comprende, tra gli altri, Colin Farrell, Russell Crowe e Will Smith. Il film, lanciato in pompa magna in occasione di San Valentino, si trova al quarto posto con un incasso di 823 mila euro. Conferma, invece, la delusione della scorsa settimana e anche dell’esordio americano il remake di Robocop, già nono, con appena 1,5 milioni di euro in tasca in due settimane.

Incassi del weekend: Trionfa Sotto una buona stella

Continua il periodo d’oro per l’Italia: oltre a Verdone, continua l’ottima performance di Tutta colpa di Freud, ancora ottavo dopo quattro weekend di programmazione, con circa 7,5 milioni di euro incassati in totale, ma sorprende Smetto quando voglio, film d’esordio di Sydney Sibilla, che perde solo il 20% rispetto allo scorso weekend, mettendo in tasca altri 713 mila euro nel weekend, con un totale che già ha superato i 2 milioni di euro. Un risultato sorprendente, sicuramente inaspettato alla vigilia. The wolf of Wall Street è al sesto posto, con 626 mila euro incassati nel weekend e un totale monster che ha già superato gli 11 milioni, mentre positiva la performance dei fratelli Coen e del loro A proposito di Davis che, nonostante l’indifferenza dell’Academy, in Italia si è comportato piuttosto bene, con circa 1,7 milioni di euro incassati in due settimane.

Ricco di uscite è il prossimo weekend. Sbarcano in sala Steve McQueen e l’attesissimo 12 anni schiavo, in odore di Oscar, Pompei di Paul W.S. Anderson, Saving Mr Banks con Tom Hanks e Emma Thompson, Lone Survivor e The Lego Movie, autentiche sorprese al box office americano.

Ricerca personalizzata