Una violenza assurda, inconcepibile quella accaduta oggi in India dove una giovane ragazza di appena 23 anni è stata stuprata dal branco, uccisa per poi essere data in pasto ai cani. Una storia sconvolgente, ma comune in questo paese dove le autorità non sono capaci di prendere dei seri provvedimenti.

Più volte sono state indette delle manifestazioni contro la violenza sulle donne, tuttavia il governo indiano sta cercando da qualche tempo a questa parte, di intensificare le pene contro gli aggressori, perchè non è possibile che casi di violenza come questo vengano ripetuti.

La 23 enne stuprata, uccisa e data in pasto ai cani

A riconoscere il corpo della povera donna in un cassonetto della spazzatura è stato il padre della vittima, il quale l’ha identificata grazie ad una collana che indossava. Di lei è rimasto poco e niente. Il cadavere purtroppo è stato completamente danneggiato.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, pare che la ragazza fosse uscita dal lavoro per recarsi a casa quando sulla stessa strada incrocia il branco. Una storia orrenda, agghiacciante quella vissuta da questa povera donna. Dai primi rilievi emerge che la 23 enne dai maltrattamenti subiti, i suoi organi genitali e interni sono stati completamente deturpati. I capelli strappati, sevizie di ogni genere, il volto tumefatto a causa delle percosse subite, hanno reso il corpo irriconoscibile.

Prima di essere data in pasto ai cani, più volte la stessa auto è passata sopra il suo corpo. La madre, minaccia di uccidersi se le autorità non trovano i colpevoli. Più volte la madre aveva ribadito che la figlia aveva paura di essere violentata e così che era solita chiudersi in casa quando rimaneva da sola.

Purtroppo nonostante le accortezze che aveva messo in atto, non è riuscita a divincolarsi e a sfuggire da questo destino assurdo. Al momento gli inquirenti hanno fermato due giovani ragazzi.