Inter-Juventus, le dichiarazioni degli allenatori

Al termine di Inter-Juventus Mazzarri e Conte sono intervenuti ai microfoni di Sky Sport analizzando l’andamento della gara.

Il primo a parlare è stato Antonio Conte, soddisfatto della partita dei suoi: “La partita di questa sera ha confermato il fatto che l’Inter può ambire a fare un campionato di vertice e che la Juve è una squadra dura da sconfiggere. Ho visto una squadra solida, la mia, e un’altra ottima squadra come l’Inter che può lavorare in tranquillità senza avere l’assillo delle coppe”.

Conte ha poi parlato dell’imminente esordio della Juve in Champions e di un eventuale turnover: “Martedì quantificheremo la nostra vera forza. C’è stata grande rabbia dopo il gol, potevamo subito fare il secondo. Dovevamo usare di più la testa e fare meglio, ma va bene così. Un pensierino a Icardi? E’ un buonissimo giocatore, quando vede la Juve fa sempre gol, sicuramente dovremo stare più attenti quando c’è lui. Il nostro obiettivo è il campionato, non avrei mai fatto turnover contro l’Inter nonostante la Champions League. Dobbiamio cercare di ruotare ed essere bravi, confido anche in chi ha giocato meno fin qui. Per me tutti partono alla pari, nessuno ha una corsia preferenziale. Chi gioca è perché mi dimostra sul campo di meritare questa fiducia.

Il tecnico salentino ha poi parlato del basco Llorente, ancora in panchina stasera: “Abbiamo una rosa di cinque attaccanti, lui sta rientrando nella norma dopo un anno senza giocare e io devo metterlo in campo quando può fare bella figura. Non posso metterlo in campo se non è in grado di dare il massimo solo per accontentare la stampa“.

Conte ha poi chiosato commentando il presunto fallo di mano di Vidal: “Onestamente non ci ho parlato. E’ una situazione difficile, ma ne prendiamo atto in maniera molto serena. Gli arbitri hanno arbitrato in maniera giusta e credo che l’inizio degli arbitraggi sia stato perfetto in questa stagione“.

Mazzarri ha subito esordito analizzando l’episodio di Vidal: “Dal campo ho avuto netta la sensazione del tocco. Ma ci sarebbe anche da parlare della doppia ammonizione di Lichtesteiner che poteva darci un vantaggio. Ma non voglio commentare gli arbitri, parliamo della gara”.

Sull’andamento del match il tecnico ex Napoli ha parlato così: “Abbiamo tenuto testa a una squadra consolidata, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa, addirittura, abbiamo cercato la vittoria, è tantissimo in poco tempo. Il pareggio? Mi interessava vedere proprio questa Inter, ottima contro Genoa e Catania, ma volevo verificare anche l’approccio a livello nervoso in queste partite. Si è visto che nel primo tempo eravamo un po’ contratti, si sentiva l’importanza della gara. Ma i ragazzi mi hanno dato risposte importanti e per me è motivo d’orgoglio”.

Mazzarri ha poi smentito chi vuole la sua Inter come una pretendente per la vittoria finale: “Se siamo da Scudetto? Per noi questi ragionamenti non vanno fatti, siamo una squadra che riparte da zero, che ha fatto tanto e che deve continuare a ragionare così. Ma i ragazzi stanno rendendo oltre le aspettative”.

[foto: sport.sky.it]

Ricerca personalizzata