Inter news: Mazzarri “Ci mancano punti, troppe ingenuità”

L’Inter riparte da Udine. Di fronte domani alle 15 ci sono i bianconeri di Guidolin, reduci dalla vittoria in Emilia contro il Sassuolo e dall’ottima prestazione di sette giorni fa contro la Roma. “Sappiamo tutti che difficoltà può riservare questa partita. L’Udinese è una squadra che da diverso tempo fa bene. Si rinnovano ogni anno, ma riescono a tenere una certa identità perché hanno un grande allenatore” sono state le parole di Walter Mazzarri nella conferenza stampa conclusasi poco fa.

Out ancora Campagnaro, in dubbio Handanovic e Icardi, i nerazzurri arrivano in Friuli con qualche problemino di formazione, soprattutto nel reparto offensivo dove l’emergenza è quasi totale. A centrocampo potrebbe rivedersi dal primo minuto Taider dopo la panchina di Bergamo, mentre Alvarez con ogni probabilità riprenderà il suo posto nella trequarti alle spalle di Palacio. Da valutare anche le condizioni di Samuel, tornato in campo martedì dopo il lungo infortunio.

Nella giornata di ieri, il Presidente Moratti, accompagnato dal direttore dell’area tecnica Marco Branca e dal direttore sportivo Piero Ausilio, ha assistito ad Appiano alla seduta di allenamento pomeridiano e si è trattenuto a scambiare due chiacchiere al centro del campo con il tecnico livornese e il capitano Javier Zanetti. “Col Presidente c’è uno scambio continuo, è molto presente, viene tanto e gli piace vedere i nostri allenamenti. Mi fa piacere, perché voglio che i responsabili della società vedano come lavoriamo” – ha sottolineato Mazzarri.

Alla domanda cosa mancasse all’Inter per essere al livello delle prime tre, l’ex allenatore del Napoli ha risposto “In questo momento ci mancano i punti, molti li abbiamo persi per strada per qualche ingenuità. Ci manca quella malizia che qualche squadra invece ha. Ma questo era da mettere in preventivo: quest’anno si è pensato a ricostruire, a ripartire quasi da zero, ad investire sui giocatori giovani“.

E proposito dell’emergenza offensivo “Mi manca Milito. Lo ammetto: è un campione sopra la media. Con lui in campo avremmo di certo diversi punti in più“.

Ricerca personalizzata