Intervista a Vendola: “Ecco come mi immagino il centro-sinistra al governo”

In un’intervista per il Tg1, Nichi Vendola ha voluto in poche battute raccontare come immagina l’azione del centro-sinistra, in quella che i sondaggi danno come prossima coalizione di maggioranza e quindi di governo.

Il Presidente della Regione Puglia auspica innanzitutto la nascita degli Stati Uniti d’Europa, a danno dell’attuale Unione Europea governata dalla grande finanza internazionale.

Per quanto riguarda la politica interna, Vendola auspica la creazione di un reddito minimo garantito per tutte le persone disoccupate e che non riescono a trovare un’occupazione.

Su Ingroia, che guida una lista in teoria di estrazione e programma molti simili al suo, ma avversaria alle prossime politiche, Vendola chiede al magistrato siciliano di non strumentalizzare le battaglie anti-mafia, per motivi di campagna elettorale. Rispetto al movimento Rivoluzione Civile, lui aggettiva il suo partito Sinistra Ecologia e Libertà, come partito propositivo e di governo, che non si ferma al semplice ruolo di portavoce della protesta dei cittadini (in realtà Ingroia aprì ad un’alleanza appena accettato il ruolo di leader di Rivoluzione Civile, ma Bersani chiuse la porta ndr).

Sul grosso malcontento popolare dovuto alla crisi economica, Vendola chiede però a tutti i politici di smetterla di giocarsi la campagna elettorale con una serie infinita di spot e promesse, allo scopo unico di conquistare voti a qualunque costo.

Sui primi e più incisivi provvedimenti da attuare, Vendola non ha dubbi: ridare spazio ai finanziamenti verso la scuola pubblica e il mondo della cultura in generale, come tratto distintivo che dovrà guidare il centro-sinistra in tutti e 5 gli anni del prossimo governo.

Ricerca personalizzata