Jafar Panahi nuovamente in carcere

    E’ una notizia che sconvolge il mondo del cinema contemporaneo. Jafar Panahi, regista iraniano, vincitore del Leone d’ Oro al miglior film con “Il Cerchio” del 2000, è stato nuovamente arrestato e condannato a sei anni di carcere.

    Panahi era già stato arrestato nell’ estate di due anni fa per la partecipazione alla commerazione in onore di Neda Salehi Agha Soltan, giovane studentessa di filosofia uccisa durante la protesta seguita alle elezioni presidenziali iraniane del 2009. Nel marzo del 2010 il regista fu arrestato durante le riprese di un suo film a Teheran, e dopo svariate mobilitazioni a livello internazionale, e le lacrime dell’ intero mondo cinematografico, espresse in pubblico dall’ attrice Juliette Binoche durate il Festival di Cannes, Panahi viene rilasciato il 24 maggio dello stesso anno.

    Adesso, come scritto precedentemente, Panahi è sotto arresto per la durata di 6 anni. Inoltre gli viene negata la possibilità di dirigere, scrivere o produrre prodotti cinematografici, nonché rilasciare interviste e andarsene dall’ Iran per la durata di 20 anni.

    Attualmente il ministero degli affari culturali francesi non ha nascosto la sua indignazione nei confronti della vicenda, opera del regime di Mahmoud Ahmadinejad, e voci, promosse dal filosofo Bernard-Henri Lévy, vogliono Panahi in carcere perchè intenzionato alla realizzazione di un film sul movimento verde iraniano.

    Ricerca personalizzata