I tweet più divertenti del 2013 sono di James Blunt

James Blunt, che con il singolo “You’re beautiful” nel 2005 è arrivato ai vertici delle classifiche di tutto il mondo, è uno dei più apprezzati cantautori inglesi ma, come tutte le star e gli artisti che hanno raggiunto il successo internazionale, anche lui è tartassato dai “Troll” che lo attaccano in modo davvero antipatico sulle sue pagine social e in particolare su Twitter.

A sorpresa, però, James Blunt ha stupito i suoi fan perché invece di offendersi e accanirsi contro questi “disturbatori della rete”, ne ha approfittato e si è sbizzarrito con delle divertentissime e pungenti risposte, date di suo pugno con tutto il suo umorismo “very British“, dimostrando di essere superiore agli insulti e alle provocazioni, tanto che c’è chi lo segue solo per vedere le sue ultime geniali battute.

L’ex soldato Blunt ha raccontato al tabloid inglese Sunday People di apprezzare Twitter, perché gli ha permesso di esprimersi e farsi conoscere per la sua ironia, e ha rivelato di aver rivoluzionato la sua immagine pubblica grazie all’utilizzo del social network: “Twitter è il modo più semplice per essere me stesso, piuttosto che il tizio che la gente conosce solo per una canzone che sente troppo spesso“.

Per il sito inglese The Poke, che ha raccolto insieme le trenta risposte migliori, il cantautore è addirittura il vincitore di Twitter del 2013.
Ecco, per esempio, che Blunt risponde al tweet di @HollieShand: “Oh Dio… chi ha permesso a James Blunt di fare un nuovo disco?” così: “Il tuo Dio non ti può sentire. Sta ascoltando la traccia 3“. Ancora, al tweet di @va_va_vati:”Ho questo disperato bisogno di ascoltare James Blunt quando ho il ciclo…” lui commenta: “Un utile feedback, passerò quest’informazione al mio team di marketing“.

E su questo stile tanti altri raccolti in una sorta di “enciclopedia della risposta pungente”. Blunt ci sa fare e la rete lo ha riconosciuto.

Ricerca personalizzata