James Mangold e il Western “The Gunslinger”

    Il ritorno del western potrebbe essere un modo per risollevare le sorti di un cinema sempre più povero di idee convincenti. Così, con la tematica che ha reso grande il nostrano Sergio Leone, ci riprovà James Mangold, regista di film come “Ragazze Interrotte” e “Quando l’ amore brucia l’anima”.  Riprovà perchè già nel 2007 accompagnato da Russell Crowe e Christian Bale, si cimentò nel dirigere, senza non pochi problemi,  un film western come il remake di “Quel Treno per Yuma“.

    Adesso Mangold dopo la prova non proprio esaltante di “Innocenti Bugie” si dedicherà a questo nuovo lavoro intitolato “The Gunslinger” (letteralmente “Il pistolero), sceneggiato da John Hlavin, che si sta imponendo sempre di più tra gli sceneggiatori più promettenti. Infatti, proprio  questo copione era presente nella Blacklist dal 2009. (Per chi non lo sapesse la blacklist è l’ elenco delle più promettenti sceneggiature non ancora prodotte)

    La trama dello script sembra raccontare la storia di un ex Texas Ranger che si pone l’ obiettivo di uccidere un uomo, responsabile della morte del suo amato fratello. Le atmosfere del film però dovrebbe ricordare più un poliziesco ambientato ai giorni nostri,  imponendo al film una condizione di thriller ambientato nel Far West.

    Per il ruolo del protagonista, pur non essendo ancora iniziata la fase di casting, sembra circolare prepotentemente il nome di Josh Brolin, reduce da una prova del genere (pistolero in cerca di vendetta) come il cine-comic “Jonah Hex“.

    Le riprese del film dovrebbero iniziare la prossima primavera.

    Ricerca personalizzata