Junior Masterchef, le prime dichiarazioni di Lidia Bastianich

Giovedì 13 sbarca su Sky Uno “Junior Masterchef” versione riservata ai ragazzi del famoso talent culinario da poco conclusosi. A giudicare le giovani promesse della cucina italiana accanto a Bruno Barbieri, già presente nel format originale, ci saranno Alessandro Borghese, e Lidia Bastianich, la madre di Joe, friulana, emigrata negli Stati Uniti dove è diventata una diva della tv esportando la cucina tradizionale italiana all’estero.

A loro affidato il compito di giudicare gli aspiranti chef tra gli 8 ed i 13 anni. Lidia afferma che non è stato facile e che il tono come è normale che sia è stato più pacato rispetto alla versione originale: “Vedevo che ce la mettevano tutta ma quando il piatto è finito e arriva il momento di giudicarlo bisogna per forza prendere una decisione, anche perché solo uno può vincere. Per compensare chi non aveva raggiunto un buon risultato gli parlavo delle sue prospettive future, lo incoraggiavo”.

Lidia, autrice tra l’altro di best-seller di cucina, e ristoratrice affermata a livello internazionale, è al suo esordio in un programma italiano ma dimostra un buon feeling con piccoli concorrenti in gara e giudica i bambini italiani più preparati dei loro coetanei statunitensi: “In America i bambini sono lontani dal cibo, lo consumano ma spessissimo non vedono fare la spesa né cucinare perché è molto diffuso l’acquisto di cibi già pronti. In Italia è diverso – afferma – da quello che ho visto c’è una maggiore educazione alimentare, merito delle diverse abitudini delle famiglie ma forse un pochino anche di ‘MasterChef’ versione senior: praticamente tutti i bambini con cui ho fatto il programma lo avevano seguito e anche da quello avevano imparato qualcosa”.

Apparsa già in Masterchef Italia e già nota al grande pubblico nostrano come mamma di Joe, ha bacchettato scherzosamente davanti i giornalisti l’abitudine del figlio di lanciare i piatti che non approva: “L’ho rimproverato per questo e di certo in mia presenza non lo farebbe mai, altrimenti il piatto glielo tiro dietro”.

Parlando poi del programma, insieme alla produzione ha dichiarato che i protagonisti della prima edizione di “Junior MasterChef Italia” saranno 14 giovanissimi aspiranti chef di età compresa tra gli 8 e i 13 anni. Come nella versione “senior”, anche per GLI “Junior” i primi due episodi saranno dedicati alle selezioni, a cui hanno avuto accesso solo i migliori 40 tra gli oltre 3.000 piccoli cuochi che si sono iscritti a questa prima edizione.

Spazio ai tanti piccoli concorrenti che vivono in Italia ma provengono da fuori ( alle selezioni giovanissimi di Costa d’Avorio, Cuba, Brasile, Colombia, Iran, ma anche Spagna, Germania e Austria), che verranno divisi nella prima puntata in quattro gruppi e, a ciascuno, verrà affidata una prova differente: i primi dieci dovranno preparare la pasta fresca, i secondi un dessert, i terzi un piatto tipico della loro tradizione culinaria, mentre gli ultimi dieci ragazzi dovranno cucinare un piatto a base di pesce.

Pur mantenendosi fedele agli elementi che hanno decretato il successo del format originario, in questa versione junior la gara ai fornelli e lo spirito di competizione saranno naturalmente a misura di bambino e il clima sarà di incoraggiamento e stimolo per i piccoli aspiranti chef, con Lidia, Bruno e Alessandro che parteciperanno attivamente ad alcune prove pur non rinunciando a quei giudizi che tanto piacciono ai fan del programma.

Ricerca personalizzata