Juve e Palermo Poker, Inter di misura

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=dzKFHhT-nAU[/youtube]Comincia a farsi intrigante la corsa allo scudetto 2010/2011: le grandi tornano, finalmente, a mettersi sullo stesso piano dei campioni in carica. Le vittorie odierne di Inter e Juventus, insieme a quelle di ieri di Milan e Roma, riaccendono la passione di un campionato che, negli ultimi anni, era stato dominato in maniera schiacciante dai nerazzuri.

    Oltre alle grandi però c’è anche chi, come il Palermo e la Sampdoria, vuol dire la sua: i rosanero attraverso lo spettacolo, i blucerchiati con il carattere. Ma andiamo in ordine partendo dalla sfida dell’ora di pranzo tra Cagliari ed Inter.

    Al Sant’Elia partita sospesa per due minuti a causa di cori razzisti contro Eto’o, prontamente rientrati dopo l’annuncio dell’altoparlante; a partita ripresa, è proprio il camerunense a portare avanti i suoi con un gol straordinario da fuori area. Il gol è l’unico lampo di una partita, specie nel secondo tempo, noiosa e dai ritmi bassi, forse anche a causa dell’orario. Finisce 1-o per l’Inter, che aggancia il Milan in vetta alla classifica.

    A Torino va in scena l’ennesimo show di Krasic, che ha il merito di propiziare tre dei quattro gol dei bianconeri sul Lecce: a timbrare il cartellino ci pensano Aquilani, Melo su rigore, Quagliarella e Capitan Del Piero che raggiunge Boniperti a 178 gol con la maglia della Juventus. Altro poker a Palermo: i rosanero guidati da Pastore schiantano il Bologna deliziando la platea del “Barbera” con un calcio a tratti pirotecnico, impreziosito da tocchi di classe numeri dei fenomeni di Delio Rossi; è proprio il “Flaco” ad aprire le danze con un destro da fuori, seguono le reti di Ilicic, Pinilla e Bacinovic. Per i rossoblu il gol della bandiera è siglato da Di Vaio. Grande rimonta della Sampdoria sulla Fiorentina: al gol di Marchionni, rispondono prima Ziegler con una punizione da fuori area e poi Cassano: Fiorentina in crisi profonda, è il fanalino di coda della classifica. A Cesena, Parma e Cesena non vanno oltre l’1-1, in virtù delle marcature di Bogdani e Zaccardo. Altro pari tra Catania e Napoli: i partenopei in avanti con Cavani, vengono raggiunti dal gol di Gomez. L’Udinese muove la sua classifica sbancando letteralmente il “Rigamonti” di Brescia, grazie al gol partita di Corradi. Le milanesi in testa alla classifica, aspettano di vedere cosa farà la Lazio a Bari; in caso di vittoria biancoceleste gli uomini di Reja guadagnerebbero nuovamente il primato della classifica.

    Ricerca personalizzata