L'88 per cento degli italiani chiede maggiore tutela per gli animali

    La tutela degli animali, domestici e non, è irrinunciabile ormai per la maggioranza degli italiani. E’ quanto emerge dati raccolti attraverso il sondaggio Ipsos intitolato “Gli italiani, il turismo, gli animali e la caccia”, divulgati nei giorni scorsi.

    Secondo la maggior parte degli italiani interpellati, una maggiore attenzione e tutela nei confronti degli animali migliorerebbe la nostra immagine all’estero. L’88 % degli italiani ritiene importante che la politica intervenga a tutela degli animali, domestici o selvatici, mentre il 77 % crede inoltre che il nostro Paese debba adeguarsi a un più evoluto contesto europeo rispetto a questo tema.

    Su un campione di mille interviste svolte per conto del ministero del Turismo, solo il 9% degli intervistati non ritiene importante che le Istituzioni si occupino di animali e solo il 2 per cento non ha un’opinione a riguardo.

    “Il risultato – ha fatto sapere il ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla – conferma che certe battaglie sono condivise dalla stragrande maggioranza degli italiani. In particolare, difendere la natura e la biodiversità vuol dire tutelare un patrimonio dal valore inestimabile. Ecco perché il presidente del Consiglio ha voluto ringraziare, per l’importante lavoro che svolgono, le associazioni Enpa, Lipu, Animalisti italiani, Fare verde, Lav e Lega del cane”.

    La ministra, infine, anche in seguito alle tante lettere ricevute dai cittadini contrarie ai maltrattamenti e alla caccia, conclude: “Intendo farmi interprete con sempre maggiore vigore di questo sentimento di amore e rispetto degli animali e dei loro diritti, con la consapevolezza che ne trarranno grande beneficio anche l’immagine dell’Italia ed il suo conseguente appeal turistico, oltre che la conservazione del nostro meraviglioso patrimonio naturalistico e della biodiversità”.

    Ricerca personalizzata