Il nome della nuova 500 dice già tutto. Si chiama infatti Cult, nome azzeccatissimo visto che è la macchina Fiat più venduta all’estero, che è diventata un vero e proprio oggetto di culto per gli automobilisti alla moda e attenti ai dettagli.

La Fiat 500 è talmente amata, anche all’estero, che è proprio nato il fenomeno del “500ismo”. Con oltre 1.200.000 unità vendute dal 2007 a oggi, il 75% delle quali immatricolate all’estero, segnando il ritorno del marchio negli USA.

L’ultima edizione della 500 è stata presentata al Salone di Ginevra pochi giorni fa, insieme ad una gamma di nuove modifiche, che sicuramente non lasceranno indifferenti i consumatori. Partiamo dalle tinte di carrozzeria, che già si preannunciano super-cult: Verde Lattementa, Bianco tristrato e Blu Italia, riservato alla 500 S. Queste colorazioni hanno un sapore vintage, che puntano a sottolineare lo stile retrò di un’auto che ha fatto e sta facendo la storia del Made in Italy.

Gli interni in pelle bicolore, a scelta tra pelle nera con inserti avorio o rossi e pelle tabacco o rossa con inserti avorio, risultano più accoglienti e i sedili più avvolgentiche, le conferiscono un aspetto very chic. Nel grande quadrante circolare sono sparite le lancette del contagiri e tachimetro, che sono state sostituite da indicatori digitali e altri strumenti. Tutte queste informazioni saranno riportate sul display TFT ad alta risoluzione, di serie, da 7 pollici della Magneti Marelli, vera novità di questo nuovo modello.

interni

La parte centrale dello schermo, raffigurante un’immagine stilizzata della vettura, sarà inoltre configurabile per fornire diverse info tra cui il consumo istantaneo del carburante e l’autonomia residua, tramite l’indicatore di guida efficiente “eco index”.

Di serie anche il sistema vivavoce Blue&Me con Bluetooth e il climatizzatore automatico, i sensori posteriori di parcheggio, il tetto in vetro fisso con tendina parasole, sedili e volante in pelle, servosterzo elettrico Dualdrive, sedile posteriore sdoppiato con appoggiatesta regolabile in altezza e radio Cd/Mp3.

Riguardo la meccanica, la novità importante è invece costituita dall’inedito propulsore bicilindrico 0.9 TwinAir da 105 Cv, che si sposa bene cone la filosofia della guida cittadina della 500, associato a un cambio manuale a 6 rapporti. A suggerire una guida più parsimoniosa, ci pensa però il sistema GSI (Gear Shift Indicator), che consiglia al guidatore quando effettuare il cambio marcia, attraverso l’accensione di un simbolo dedicato. La 500 Cult sarà disponibile con il turbodiesel 1.3 Multijet II da 95 cv e i propulsori benzina 1.2 da 69 cv, 0.9 TwinAir Turbo da 85 cv (entrambi con a richiesta cambio robotizzato Dualogic) e il 0.9 TwinAir Turbo da 105 cv.

Per quanto riguarda la sicurezza, troviamo ABS+EBD, airbag guidatore e passeggero con sistema Dual stage, airbag laterali, windows bag, airbag per ginocchia, attacchi Isofix, luci diurne e sistema ESP completo di ASR/MSR, HBA e Hill Holder.

La vettura sarà prodotta nelle configurazioni berlina o cabrio, assieme alle ricche dotazioni di serie comprendenti. Tutti i colori esterni, tra cui il Verde Lattementa, sono abbinati al tetto composto da una parte in vetro fisso e l’altra con verniciatura in nero lucido. Sulla versione cabrio, sarà disponibile il nuovo Bianco Tristrato. A scelta le calotte degli specchi esterni possono essere cromati, ci sono cromature per i baffi del frontale, della maniglia del portellone posteriore, oltre alla cornice in nero lucido dei fanali posteriori e ai nuovi cerchi in lega da 16”.

fiat-500-cult

La 500 rimane però una vettura pensata per la mobilità in città, quindi lo spazio disponibile è sempre relativo. Ma, ormai, la simpatica citycar è diventata un’icona di stile, e siamo certi che con questo nuovo “look” e allestimento, pensato per i più modaioli, i peccatucci di spazio, saranno sicuramente perdonati.

500 Cult