La forza di un sogno, la storia di Adriano Olivetti diventa una fiction

“La forza di un sogno” è la mini-serie televisiva in due episodi, prodotta in collaborazione da Rai Fiction e Casanova Multimedia, che andrà in onda il 28 e il 29 ottobre in prima serata su Rai 1.

“La forza di un sogno” racconta la vita di Adriano Olivetti, scritta e diretta dal nipote Michele Soavi, che vede Luca Zingaretti in qualità di attore protagonista, interprete della vita del celebre imprenditore italiano. Fanno parte del cast anche Stefania Rocca e Francesco Pannofino.

Olivetti è il nome che viene attribuito alla macchina per scrivere, al primo computer. Ma raccontare la storia dal punto di vista dell’imprenditore italiano che nell’era del capitalismo e del comunismo ha rivendicato il concetto di fabbrica è, forse, il riconoscimento più grande. “La forza di un sogno” infatti, vuole essere soprattutto il racconto di uno spaccato sociale, fin troppo vicino alla fotografia idealistica della società italiana odierna. La fiction Rai intende soprattutto, mandare un messaggio di speranza sociale.

Adriano Olivetti è stato l’inventore in un epoca di stasi. Il pensatore in un clima di smarrimento. Ha lottato per quello in cui credeva di più: la comunità. Ed è questa la chiave dell’intera fiction. Partendo da Olivetti uomo di famiglia e imprenditore nella fabbrica di famiglia, “La forza di un sogno” mette in evidenza l’uomo che ha vissuto per i suoi ideali, nella speranza che un giorno la sua azienda potesse essere a servizio dell’intera comunità. Ma per farlo Olivetti sognava un clima di felicità per i lavoratori tutti, indistintamente che essi siano operai o ingegneri, ritenendo la serenità la condizione necessaria per generare efficienza. Il movimento intrapreso da Olivetti termina a causa della sua morte prematura, sulla quale, però, vi è poca chiarezza.

La fiction racconterà, oltre agli avvenimenti storici, anche della vita privata di Adriano Olivetti. Dalle donne che hanno segnato la sua vita, Paola Levi e Grazia, alla figura di Mauro Barale, amico fidato di Olivetti, che però, lo tradirà, interpretato da Massimo Poggio. Vi è, inoltre, la figura di Dalmasco, personaggio inventato, che testimonia la presenza di svariati nemici nella vita di Olivetti, che terminerà tragicamente in un giallo irrisolto.

Ricerca personalizzata