La guida con il pensiero è realtà: arriva lo skateboard ad onde cerebrali

    Comandare un mezzo di trasporto con il pensiero non è più fantascienza, grazie all’azienda texana Chaotic Moon Labs che ha messo a punto il prototipo di uno skateboard che si muove su impulsi ricevuti direttamente dal cervello umano. Grazie ad una sorta di casco munito di numerosi elettrodi che catturano, come un encefalografo, le onde cerebrali e le traducono in informazioni digitali, è possibile dar vita e movimento alla tavola munita di ruote, immaginando un punto dove ci si vuole spostare e la velocità per raggiungerlo; la cosiddetta “Board of Imagination” (il nome di battesimo dell’invenzione) si occuperà di eseguire a modo suo le istruzioni da noi “immaginate”.

    Più precisamente, gli impulsi cerebrali vengono catturati dalla cuffia “Emotiv Epoc”, un accessorio pensato originariamente per i videogiochi, che li trasmette ad un tablet Samsung dotato nientemeno che di Windows 8 in versione “preview”, che infine provvederà ad attivare, attraverso l’unità di controllo, un motore elettrico da 800w capace di raggiungere circa 50km l’ora, e con quasi 20 chilometri di autonomia a velocità massima.

    Non è la prima volta che la compagnia si impegna nella realizzazione di un mezzo di trasporto futuribile. Poco tempo fa aveva presentato un progetto simile, uno skateboard denominato “Board of Awesomeness” controllato da tecnologia Kinect, che utilizzava il riconoscimento vocale e dei movimenti del suo guidatore. Ovviamente non manca il rovescio della medaglia, ossia eventuali distrazioni, che nonostante la messa a punto di sistemi di compensazione, possono portare a spiacevoli conseguenze sia per il mezzo che per il suo guidatore.

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=2KtMCX7FfZ0[/youtube]

    Non è però chiaro se l’ultimo progetto di Chaotic Moon verrà messo in commercio, per il momento la compagnia sarebbe orientata a rendere accessibile a tutti il progetto ed il software di controllo, in modo che altri raccolgano la sfida di una eventuale produzione di massa, o addirittura “casalinga”.

    Ricerca personalizzata