Ancora notizie sulla Brexit. La premier Theresa May, poche ore dopo l’approvazione all’unanimità delle linee guida per la trattativa dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ha respinto alcune delle richieste di Bruxelles, definendole posizioni negoziali dei 27.

Si profila dunque ardua la trattativa, almeno in base a quanto dichiarato dalla premier Britannica che al Telegraph ha ribadito le sue priorità che consistono in un mercato libero dai dazi, nella fine della circolazione dei migranti e della giurisdizione delle Corti europee.

Ad un cronista di un quotidiano conservatore la May ha anche dichiarato: “Innanzitutto vorrei insistere sul fatto che non abbiamo un accordo sulla Brexit da Bruxelles. Abbiamo le loro linee guida negoziali, abbiamo le nostre linee guida negoziali attraverso la lettera ex articolo 50, e il discorso alla Lancaster house da me pronunciato sull’argomento a Gennaio. È importante che intorno al tavolo si sieda un forte premier del Regno Unito con un forte mandato da parte del popolo del Regno Unito, un fatto che rafforzerà la nostra posizione negoziale per garantire che otterremo il miglior accordo possibile.

Un po’ più accondiscendente è invece la posizione che la premier sembra avere verso i cittadini Ue nel Regno Unito per i quali ha confermato la volontà di assicurar loro dei diritti tramite un accordo da raggiungere in tempi rapidi. Accordo che dovrà avvenire secondo un principio di reciprocità che sia in grado di dare le stesse garanzie ai britannici che risiedono nei Paesi dell’Unione. Un opinione che la May ha espresso anche durante un’intervista rilasciata alla Bbc e della quale sembra essere più che convinta.

Intanto, in attesa delle elezioni britanniche previste per l’8 Giugno, il vantaggio del partito Conservatore continua a ridursi.

Fonti: Immagine presa da ilsole24ore.com