La Super Luna che ‘rosa’ non è, spettacolo nel cielo il 22 e 23 giugno

Probabilmente resterà deluso chi si aspetta di vedere una luna color rosa confetto ma, nella notte tra sabato 22 e domenica 23 giugno, lo spettacolo che ci regalerà il cielo sarà ugualmente suggestivo. Quel giorno, infatti, il nostro satellite sarà contemporaneamente nella sua fase piena e al suo perigeo, ovvero nel punto della sua orbita ellittica più vicino alla Terra.

Ma nessun colorito rosato accompagnerà il fenomeno astronomico L’equivoco diffusosi in questi giorni, soprattutto sulla rete, è nato da un’antica tradizione contadina secondo la quale la Luna piena di giugno è detta “Luna della fragola” o “Luna Rosa”.

In realtà l’unica particolarità del corpo celeste sarà quello di apparire più grande del 14% rispetto alle proporzioni abituali e più luminoso del 30%. Il suo colore quando è bassa sull’orizzonte, all’alba e al tramonto, potrà tendere al rosso per la rifrazione della luce nell’atmosfera terrestre, ma una volta in alto nel cielo la luna sarà gigante, bianca e splendente come non mai.  Una “Superluna” insomma. Un fenomeno tutt’altro che raro: accade infatti quando il plenilunio cade in corrispondenza del perigeo, il punto in cui la distanza dalla Terra è di soli 356.991 Km, anziché di 384.000 Km. L’ultima Superluna è stata osservata il 6 maggio 2012, quando il satellite si trovò a 356.955 Km dal nostro pianeta, una distanza che non raggiungeva da 18 anni. La prossima è attesa invece per il 10 agosto 2014. In quell’occasione la distanza minima si ridurrà di circa 5 km, e ancora minore sarà il 28 settembre 2015 (356.877 Km) e il 14 novembre 2016 (356.509 Km). Questo sarà l’ultimo incontro ravvicinato tra la Terra e il suo satellite naturale fino al 25 novembre 2034.

Complice il bel tempo e il cielo sereno, la Superluna sarà visibile già nella notte di sabato 22 giugno. Ma l’effetto ottico sarà maggiore a partire dalle 13.30 di domenica 23, quando il perigeo coinciderà con l’inizio della fase del plenilunio. Perciò, armatevi di binocoli, telescopi, macchine fotografiche e smartphone e tutti col naso all’insù ad ammirare uno dei tanti spettacoli meravigliosi che la natura ci regala.

Ricerca personalizzata