Latte di mandorle e tè

I Paesi del Mediterraneo, tra cui l’Italia, sono soliti avere a che fare in estate con il rinfrescante latte di mandorla.
Oltre ad essere una bevanda gradevole e dissetante, ha effetti protettivi per l’organismo.

Il mandorlo, albero da cui deriva il frutto, è originario dell’Asia e attualmente diffuso in tutto il Mediterraneo.
Il frutto, la mandorla, si distingue a seconda del sapore in varietà dolce oppure in varietà amara. Le mandorle amare contengono olio grasso usato per i saponi, e olio essenziale utilizzato invece in profumeria. Le mandorle amare sono velenose.

La mandorla è un vero concentrato di principi nutritivi: contiene grassi (50%), proteine (25%), zuccheri, vitamina A, vitamina E, calcio, fosforo, zolfo, potassio, rame e magnesio. E’ un frutto molto calorico, ideale per i casi di denutrizione o demineralizzazione e come integratore nelle diete vegetariane, utile in particolare nei momenti in cui l’organismo ha bisogno di energie, come gravidanza, allattamento, crescita, convalescenze, intensa attività sportiva, lavoro fisico e intellettuale.

Il latte di mandorle è un succo ricavato da questo frutto raccolto tra agosto e settembre. Preparatelo in casa, ecco come fare:

Ingredienti
100 g di mandorle sbucciate
100 g di miele
1 litro di acqua minerale naturale
Procedimento
Immergi per 30 minuti 100 g di mandorle secche in acqua tiepida per eliminare la buccia. Trascorso questo tempo, scolale e fai scivolare la buccia. Trita grossolanamente le mandorle con una mezzaluna (evita il frullatore). Pestale poi in un mortaio fino a ridurle in una pasta omogenea; nel frattempo bagna spesso le mandorle con poca acqua fredda per impedire che trasudino olio. Aiutandoti con una frusta, sciogli 100 g di miele nel litro di acqua minerale, stempera la pasta di mandorle, mescola bene e lascia riposare per 30 minuti. Dopo, attraverso una garza sottile introdotta nel colino, filtra tutto in una bottiglia da conservare ben chiusa in frigorifero.

Perchè non provare una variante, altrettanto salutare, come il tè? Ecco la proposta:

Prepara un tè concentrato, cioè 7/9 grammi di tè verde cinese gunpowder oppure tè nero indiano con cui si prepara il chai in 250 ml di acqua, con infusione a caldo di due/tre minuti. Filtra bene tutto e aggiungi 250 ml di latte di mandorle ghiacciato.

Il latte di mandorle e è pronto.

Ricerca personalizzata