Lazio-Roma: le interviste

    Sta suscitando tantissime polemiche il derby di questo pomeriggio. Polemiche accese, sicuramente anche dai due allenatori.

    Ecco le parole di Reja su Sky:

    “Oggi l’umore non è dei migliori ma accettiamo la sconfitta. Volevo puntualizzare che questo derby è stato condizionato da degli episodi. Questo mi dispiace. La Roma si è lamentata della designazione di Morganti ma i giallorossi non possono lamentarsi oggi. Mi riferisco all’episodio della trattenuta evidente di riise su Mauri e del rigore su Baptista dove prima c’era un fallo del brasiliano oltre a due giocatori della Lazio a terra. Poi c’è stato anche un fallo di mano di Simplicio sul finale del match. I miei giocatori a un certo punto mi dicevano che era impossibile giocare contro 12. Purtroppo gli episodi hanno deciso il match.
    Comunque la Lazio non esce ridimensionata da questa sconfitta, anche se ora non serve a nulla recriminare. L’andamento della gara? Nel primo tempo non abbiamo avuto furore agonistico. Poi nella ripresa la roma ha trovato il gol su un’erorre nostro. Hernanes? Mi aspettavo qualcosa in più sul piano del dinamismo ma dal punto di visto della qualità ha fatto la sua prestazione. Non mi è piaciuto l’approccio alla gara. Siamo stati timidi e non abbiamo avuto l’intensità che io avevo chiesto. Nel primo tempo siamo stati costantemente in attesa anche se la Roma non ha avuto grandi occasioni. Nel secondo tempo, una volta in svantaggio, abbiamo spinto di più. Evidentemente quando non vola l’aquila all’Olimpico non vola nemmeno la Lazio”

    Queste le parole di Ranieri su Sky:

    “Sono molto felice. Abbiamo fatto una grande partita. I ragazzi sono stati splendidi. Dopo aver colto la vittoria fuori casa col Basilea in Champions, ora abbiamo vinto “fuori casa” anche in campionato sfatando questo doppio tabù. Oggi abbiamo giocato con intelligenza e senso tattico. Se è cambiata la condizione atletica rispetto alla sconfitta col Basilea? Non è una questione di condizione. Ora ci stiamo esprimendo meglio. Dopo il ko col Basilea stiamo giocando con maggiore voglia e determinazione. Totti? Ci è mancato e dedichiamo la vittoria a lui e tutti quelli che non hanno giocato. La prova di Greco? Io ho diversi centrocampisti bravi. In panchina, ad esempio, avevo Pizarro e Brighi e l’ho preferito a loro. Parliamo che in Italia non ci sono giovani e non si capisce come mai questo ragazzo in estate non riuscisse a trovare una squadra. Lui si allena bene, con una dedizione stupenda. E’ un ragazzo umile che ha molta qualità. Il ruolo della Roma quest’anno? Quello di migliorarci. Abbiamo avuto un pò di difficoltà all’inizio e stiamo provando a raddrizzare la barca. Sono contento anche per quei romanisti che ci sono stati vicini nei momenti difficili. Il rigore su Mauri? Visto l’andamento della gara su ogni calcio piazzato Morganti ha utilizzato lo stesso metro di giudizio per questo tipo di trattenute. C’è da dire che anche in occasione del gol di Greco, la posizione irregolare di Borriello non è così evidente”.

    Ricerca personalizzata