“Mistresses” manda le amanti in tv

Nuova serie, nuovi personaggi, ormai è risaputo: cosa non si farebbe per piacere al grande pubblico delle serie televisive? Mistresses è una produzione statunitense che ha fatto un remake dell’omonima serie britannica, puntando su alcuni elementi-chiave che potrebbero regalargli un successo quasi garantito: attori consolidati nell’ambiente ed una trama intrigante con spunti “collaudati”.

Mistresses è la storia di quattro donne professioniste della Grande Mela, un po’ sulla falsa riga di Sex And The City, che in questo caso si intrecciano in vicende basate sul tradimento in tutte le sue forme. La serie, creata da K.J. Steinberg, ha debuttato negli USA il 3 Giugno di quest’anno ottenendo buoni ascolti, tanto da confermare la seconda serie. In Italia il primo dei tredici episodi della prima serie è andato in onda martedì 10 Settembre alle ore 21, con replica il giovedì sul canale Sky Fox Life

Andando a “conoscere” un po’ i personaggi, tra le protagoniste di Mistresses troviamo Alyssa Milano, attrice già nota per la presenza in tutte le serie del celebre telefilm Streghe, che interpreta Savannah. Questa donna è un facoltoso avvocato newyorkese, sposata con una figlia, che però subisce il fascino del suo collega-collaboratore Jason George. Già questo costituisce la premessa per avvenimenti controversi e dal risvolto piccante.

Tra le altre attrici “blasonate” c’è Yujin Kim, una dei personaggi della saga di Lost, che impersona Karen, una psichiatra affermata che si ritrova a dover aiutare a morire un malato terminale, del quale si è innamorata. Rochelle Aytes veste invece i panni di April, una giovane vedova che sembra ricevere telefonate dal marito defunto. Ovviamente in tutto questo marasma di intrecci sentimentali non può mancare lo “spirito libero” della situazione, e si tratta di Josslin, interpretata da Jess Macallan. In Mistresses lei è un agente immobiliare di successo, ma non ha legami stabili, è il tipo di donna affascinante che esce e conquista ogni sera un uomo diverso.

A questo punto possiamo dire che in Mistresses non manca nulla per ottenere consensi. Tematiche per tutti i gusti, dal sentimentale al paranormale, dall’erotico al thriller, un bel minestrone che variegandosi così tanto incontrerà certamente un numero notevole di appassionati. Speriamo solo che i rifacimenti ad altre serie non risultino troppo calcati, altrimenti si potrebbe rischiare solamente di vedere un enorme collage di scene già viste.

Riusciranno le quattro Mistresses – Savannah, April, Karen e Josslin – ad entrare nel cuore dei telespettatori e diventare modelli glam e di stile come le “ragazze di Sex And The City”? Per dirla alla Manzoni,”ai posteri l’ardua sentenza“.

Ricerca personalizzata