Le Oldlympics, un concetto degli USA che farebbe faville in Italia

Oldlympics
Oldlympics

Le Oldlympics, un concetto degli USA che farebbe faville in Italia

Sicuramente in molti allargheranno le braccia al leggere per la prima volta il termine ‘Oldlympics’, rigorosamente in inglese e  senza traduzione. Quelle che letteralmente sarebbero ‘Le Olimpiadi degli anziani’ sono un fenomeno che ha preso piede negli Stati Uniti ed è giunto ormai alla sua 32esima edizione. A questo evento particolare prendono parte persone dai 50 anni in su che si sfidano in varie discipline durante diciotto giorni. L’ultima edizione si è chiusa all’insegna dell’ilarità e della competitività con il Funtathlon, ossia un mix tra shuffleboard, biliardo, bowling, freccette, golf e lancio di ferri di cavallo. Tra queste attività proprio il lancio del ferro di cavallo è la più particolare, anche se in pochi sanno che si tratta di una disciplina che prevede la disputa di un campionato, come quello svoltosi l’estate scorsa in Alabama.

In questa kermesse di competizioni c’è anche spazio per attività ludiche classiche  come il blackjack e il poker Hold’em, uno dei giochi più in voga oggigiorno, per poi arrivare fino addirittura allo Scrabble, uno dei giochi da tavolo più tradizionali di sempre, e che addirittura può vantare l’esistenza di una Federazione Italiana Gioco Scrabble. Ed è questa una delle ragioni per le quali le ‘Oldlympics’ potrebbero attecchire nel Belpaese, dove spesso i senior passano la propria giornata in un parco o all’aperto ma senza godere appieno delle possibilità di divertimento di cui potrebbero disporre. Create nel lontano 1984 dalla Valley-Wide Recreation per le comunità di anziani di Hemet e San Jacinto, nel sud della California, le ‘Oldlympics’ hanno registrato l’iscrizione di ben 600 partecipanti nell’ultima edizione, terminata lo scorso 3 ottobre. Il grande salto di qualità della competizione si è avuto quando il blackjack ha sostituito il softball, eliminato per favorire le attività individuali e non di squadra. Ed è ben noto che il blackjack è un’attività ludica di moda in Italia, soprattutto da quando le app per giochi d’azzardo sono sempre più frequenti. Insieme al poker online e ai vari giochi tipo casinò, il blackjack è un’autentica moda tra i giocatori d’azzardo che utilizzano le sempre più moderne app di giochi online. Non a caso l’Italia è il quarto paese al mondo per spesa complessiva e il blackjack è una delle attività più rivalutate dalle app pertinenti.

Visti i giochi e le discipline a disposizione, e conosciuto l’amore degli italiani per gli sport e il gioco d’azzardo, viene da pensare che l’idea di istituire un campionato olimpico per gli over 50 in Italia potrebbe essere un successo. Un colpo con la stecca di biliardo – altra disciplina apprezzata in Italia – una mano di blackjack, un set di ping pong e una rilassante partita di Scrabble, sono solo alcune delle discipline in cui sarebbe possibile gareggiare: in molti si farebbero prendere la mano e giocherebbero con entusiasmo. Inoltre, si tratta di una kermesse gioiosa e allegra che senza il peso e la tensione di una medaglia in palio creerebbe un’atmosfera ideale per una sana competizione. Perché, dunque, trentatre anni dopo, non provare a importare le ‘Oldlympics’ in Italia?

Ricerca personalizzata