Le proprietà dello zenzero e una ricetta

Si ritiene che le proprietà medicinali della radice di zenzero fossero già note alle antiche culture orientali, dove lo zenzero veniva usato da solo o come componente di rimedi erboristici; oppure utilizzato come spezia alimentare come in India e in Cina, soprattutto in piatti a base di carne o in salse, per sciroppi o biscotti. Nella medicina araba lo zenzero era considerato afrodisiaco.

Lo zenzero è uno stimolante grazie alla presenza di un olio essenziale dalla composizione molto complessa; la sostanza più importante è chiamata gingerolo e proprio questa dà il sapore intenso alla radice. Esistono diverse proprietà dello zenzero che aiutano a risolvere alcuni problemi, ad esempio di dispepsia: la radice agisce efficacemente sull’apparato digerente, nei casi di inappetenza o di digestione lenta e laboriosa, flatulenza, meteorismo e gonfiore intestinale per le sue proprietà carminative. Efficace anche contro il mal di testa, la nausea e il vomito in gravidanza, e come antispasmodico.

Per questi e altri motivi, come ad esempio il suo gusto speciale, vi propongo una ricetta de La Cucina di Calychantus: il tè allo zenzero. Questa bevanda, a discapito del suo nome, non deriva dall’infusione delle foglie di tè.

Ingredienti
Zenzero
limone
miele

Preparazione
Mettere a bollire l’acqua con 2 cm circa di radice di zenzero (sbucciata e tagliata per il lungo in fogliette sottili). Nel frattempo sul fondo di ogni tazza mescolare 1 cucchiaino di miele con 1/2 cucchiaino di succo di zenzero (l’ideale è scchiacciarlo con uno schiaccia-aglio, ovviamente pulito ma esistono anche grattugine di ceramica espressamente pro-zenzero, e al limite può andare bene pure la grattugia normale) e 1 cucchino abbondante di succo di limone. Quando l’acqua ha bollito allegramente per qualche minuto vesrsare nelle tazze e servire subito.

(fonte della ricetta: La Cucina di Calycanthus)

Ricerca personalizzata