Legge di Stabilità, salta anche il tetto e la franchigia sulle detrazioni: giustizia è fatta!

Della Legge di Stabilità originaria del Governo Monti, oggettivamente iniqua, ora non resta davvero più niente: fortunatamente anche le franchigie (in particolare sulle spese mediche) ed i tetti massimi sulle detrazioni (in particolare quelle per i mutui e le spese scolastiche) saranno eliminati!

Resta da capire ora il piccolo (ma crescente tra il 2013 ed il 2015) tesoretto avanzato dalla mancata riduzione delle aliquote Irpef, a cosa verrà destinato: il Pdl mira alla riduzione dell’Imu ed ai salari di produttività. Giusto il primo punto, non il secondo, perchè per quello il Governo Monti ha già stanziato dei fondi a parte, sui quali le partiti sociali (Confindustria e sindacati) non riescono a trovare un accordo. Cosa fare dunque? Come giustamente suggerisce il Pd, meglio affidare queste risorse al cuneo fiscale, cioè all’abbassamento delle tasse su lavoratori e pensionati…  a tutti quelli di reddito basso, dimenticandoci per una volta della produttività, perchè TUTTI, tra i ceti meno abbienti, stanno soffrendo tanto questa crisi economica. Il partito di Alfano punterebbe invece ad aiutare le imprese.

L’Udc infine, l’altro partito della coalizione che sostiene Monti in Parlamento, sottolinea l’importanza di destinare queste risorse alle famiglie, specie a quelle più numerose.

Imu (anche se il Pd incredibilmente non ne parla!) sulla prima casa da abbassare e riduzione, per quello che si può, della tasse sui lavoratori, per dare un seppur minimo sollievo alle casse dei cittadini italiani: ci pare questa la ricetta migliore! Come al solito però, i politici italiani non riescono a parlare in maniera serena di argomenti importanti che ricadono su di noi, e quindi l’accordo nel merito, purtroppo, appare ancora lontano!

Ricerca personalizzata