Libri di testo gratis nella Regione Sardegna

    Via libera, nella Regione Sardegna, alla fornitura gratuita o semi gratuita dei libri di testo a favore degli studenti che, frequentanti la scuola secondaria di primo e di secondo grado, appartengono a famiglie meno abbienti. Questo dopo che, su proposta di Sergio Milia, Assessore alla Pubblica Istruzione, la Giunta della Regione Sardegna ha approvato il piano di riparto dei fondi che ammontano complessivamente a poco più di 4,1 milioni di euro a valere sull’anno scolastico 2011/2012. Per la scuola primaria, invece, in accordo con quanto riportato dal sito Internet della Regione, a venire in aiuto alle famiglie sono direttamente i Comuni sardi.

    Entrando nel dettaglio, i 4,1 milioni di euro di fondi sono stati ripartiti dalla Giunta come segue: 3,05 milioni di euro per gli alunni di famiglie meno abbienti che frequentano le scuole secondarie di primo grado, nonché il primo ed il secondo anno delle scuole secondarie di secondo grado; mentre i restanti 1,05 milioni di euro sono per la fornitura gratuita o semi gratuita dei libri di testo a favore delle restanti classi delle scuole secondarie di secondo grado.

    Per quel che riguarda le modalità di distribuzione delle risorse ai Comuni della Sardegna, l’Amministrazione regionale si è basata sui dati dell’Istat, Istituto Nazionale di Statistica, aggiornati e consolidati al mese di gennaio dello scorso anno. L’alunno, per poter comprare i libri gratis, o per ricevere il contributo per la semi gratuità, dovrà appartenere ad una famiglia con un Isee, Indicatore della situazione economica equivalente, non superiore al livello dei 14.650 euro.

    Ricerca personalizzata