L’informazione secondo tre diversi Tg

L’informazione, dato di fatto, viene sempre filtrata dai parametri adottati da ogni editore o da ogni redazione volti a stabilire una scala gerarchica d’importanza su cui basare il contenuto della singola edizione di un Tg.

Per entrare più nello specifico, e per meglio comprendere nel concreto questi parametri, prendiamo in considerazione la scaletta delle edizioni serali del giorno 12 dicembre scorso (ore 20) di tre diversi telegiornali, uno pubblico, gli altri due privati: Tg1, Tg5 e Tg La 7.

Procedendo in ordine di canale, l’apertura del Tg di Rai 1 è dedicata alla nuova manovra e ai suoi aspetti salienti e di maggior impatto mediatico, come lo stop agli affitti in contanti, le modifiche alle pensioni e l’adeguamento delle norme d’appalto.
Sia il notiziario Mediaset invece, che quello di La 7 (editore Cairo Communications) esordiscono con le proteste iniziate il 9 dicembre, soffermandosi in particolare sugli scontri avvenuti all’università di Roma e sulle manifestazioni in Piemonte e Liguria, come il tentato blocco del confine con la Francia a Ventimiglia. Eventi riportati in seguito anche dal Tg 1.

Una notizia che trova spazio in tutte e tre le trasmissioni è la probabile alleanza Forza Italia – Movimento 5 Stelle, ipotizzata a seguito del voto espresso dal partito di Berlusconi a favore di un emendamento proposto dalla componente grillina sulla legge di Stabilità.
Sempre a proposito di Berlusconi, il Tg 1 non riporta le sue dichiarazioni rilasciate ad una radio francese in merito alle sue vicende giudiziarie e al tentativo di rivoluzione che ci sarà in caso di suo arresto. Affermazioni che invece vengono trasmesse sia dal Tg 5 che dal Tg la 7.

Sul versante cronaca interna si notano sostanziali differenze: mentre il Tg 1 parla dell’uomo cingalese arrestato per avere sfregiato con l’acido la moglie e la figlia, il i Tg 5 informa dell’arresto di Rosy Canale, l’imprenditrice calabrese attivista per la lotta antimafia, accusata di truffa.
Ancora a proposito di cronaca, il notiziario Mediaset e quello di La 7, al contrario di quello RAI, mettono al corrente della scomparsa dell’imprenditore Angelo Rizzoli.

Riguardo le notizie varie ed eventuali, Tg 1 e Tg 5 chiudono rispettivamente con gli One Direction in visita a Milano, in occasione dell’esibizione ad X-Factor, e con lo stop adottato in Gran Bretagna ai prodotti d’eccellenza italiana, a favore della sana alimentazione.

Il sunto proposto permette dunque di comprendere, almeno in maniera parziale, quali siano le priorità riconosciute da una redazione (e dal suo marchio editoriale) a proposito della compilazione della scaletta di ogni singola edizione di un notiziario. Un frenetico e delicatissimo compito da svolgere almeno tre volte al giorno.

Ricerca personalizzata