Make a change cerca il “lavoro migliore del mondo” su cui investire

Il filosofo greco Demostene scrisse il motto «le grandi imprese nascono da piccole opportunità», l’Associazione Make a Change lo ha concretizzato. L’organizzazione privata senza fini di lucro ha indetto la quarta edizione del concorso “Il più bel lavoro del mondo”, una competizione per «promuovere presso imprese, territorio, istituzioni finanziarie e università un nuovo asset-class per gli investimenti sostenibili e offrire una reale opportunità a manager e giovani imprenditori di realizzare un proprio progetto di new social venture». Infatti, i vincitori godranno di un finanziamento a fondo perduto, di 20mila euro e l’accesso a servizi di incubazione e di tutorship, della durata di 6 mesi del valore di 20mila euro.

Make a change, in con conformità al suo scopo di incentivare il business sociale in Italia, impone che ogni progetto sia presentato da un “team” appartenente ad uno start-up d’impresa sociale operante sul territorio nazionale; esso deve essere costituito da almeno tre persone delle quali una con laurea in discipline economiche e/o tecniche. Un’ulteriore restrizione è posta sull’età dei soggetti non fisici, ma giuridici: oltre agli start-up potranno partecipare al concorso giovani imprese sociali in attività da meno di 18 mesi dall’avvio del concorso e spin-off imprenditoriali a finalità sociale di imprese già esistenti.

Se si ha un progetto non rimane che iscriversi gratuitamente al concorso e seguire le quattro fasi:
1.La registrazione (compilazione della domanda di partecipazione sul sito Make a change nella sezione dedicata a “il lavoro più bello” con inserimento del curriculum di ciascun membro e successivo caricamento dell’allegato B con Executive Summery della social venture che si ha intenzione di promuovere);
2.Valutazione e screening online (attesa di essere individuato tra i 3/5 gruppi con il progetto più interessanti);
3.Lavoro sul campo (Creazione con l’ausilio di uno staff di professionisti di un business plan operativo e di una presentazione finale dei progetti prescelti);
4.Selezione finale e premiazione (presentazione del lavoro e del business plan di ciascuno dei 5 gruppi individuati davanti ad una giuria e successiva assegnazione del premio finale).

Quindi…Carpe diem manager, osate giovani imprenditori, poiché come scrisse Demostene e come riporta il bando del concorso «la partecipazione alla competizione dà l’opportunità di accedere a un vasto network di possibili partner finanziari, professionali e industriali»!

Ricerca personalizzata