Mamma 26enne violenta il figlio di 4 anni e rivende i filmati ai pedofili

mamma violenta figlio

Filmava i rapporti sessuali che aveva col figlio di soli 4 anni, e poi, quelle immagini, se le rivendeva nell’ambito di un circuito di pedofili conosciuti tramite internet. Per questo motivo una mamma di 26 anni è finita in manette nella sua casa di Vinnytsia, città sita nell’Ucraina centrale, a pochi passi dal fiume Buh Meridionale. Le accuse, quelle di violenza sessuale aggravata e di detenzione di materiale pedopornografico.

Gli agenti, una volta fatta irruzione nell’abitazione della donna, si sono ritrovati davanti a del materiale inequivocabile, tra cui per esempio numerosi video che la riprendevano mentre abusava sessualmente del figlioletto di 4 anni. Interrogata, avrebbe anche ammesso i fatti e confessato di aver venduto quei filmati per un centinaio di euro ciascuno. In totale, dalla vendita di queste clip, avrebbe tirato su quasi tremila euro.

“Ero disperata, quando ad un certo punto una donna mi ha proposto un lavoro via e-mail – ha raccontato la 26enne -. Mi ha detto che avrei dovuto adescare dei bambini da utilizzare per riprese pornografiche, e mi avrebbe anche ben pagata per fare questo. Dovevo semplicemente filmarli quando erano da soli, senza i loro genitori, oppure portarli da me. A quel punto mi ha chiesto di iniziare questo ‘lavoro’ con il mio bambino, convincendomi che non ci sarebbe stato nulla di strano in tutto ciò”.

Peccato però che di strano ci fosse parecchio, visto che la donna, per giorni e giorni, ha continuato a violentare suo figlio di soli 4 anni che ora, dinanzi a sé, avrà un futuro segnato. La donna rischia una pena pari ad almeno 10 anni di carcere qualora dovesse essere condannata. Nel frattempo i filmini e le immagini rinvenute sul suo pc sono finite sotto sequestro e saranno a disposizione delle indagini. Il bambino è invece stato consegnato ai servizi sociali e presto verrà indirizzato in un orfanotrofio.

Ricerca personalizzata