Marrazzo diede 500 mila euro al regista Moretti

    E’ una lista di sperperi e di “regali” ad amici e ambienti elitari capitolini quella che sta venendo fuori, in questi giorni, dalla Regione Lazio.

    Con delibera del 23 marzo 2010 (a 5 giorni dalle elezioni regionali e amministrative), la giunta di centro-sinistra, allora presieduta da Marrazzo, in crisi, dopo lo scandalo sessuale che lo travolse del tutto, stanzia ben 500 mila euro alla pellicola in uscita nel 2011, che si ispira alla vita di Celestino V, in cui Nanni Moretti interpreta il ruolo di psicanalista del Papa.

    In queste settimane, il mondo della cultura e del cinema elemosina, senza dignità alcuna, denari pubblici al governo, reo di preferire altre priorità e capitoli di spesa, in un periodo drammatico di sacrifici e risparmi pubblici.

    E a vedere le delibere della giunta Marrazzo hanno ragione. Il centro-sinistra è stato ben più generoso con loro, rispetto al governo Berlusconi e alle giunte regionali di centro-destra.

    L’estate 2009, l’ancora guadente giunta Marrazzo, prima dello scandalo delle transessuali, stanziò quasi 5 mln di euro, per finanziare il cinema, priorità assoluta, in tempi di crisi economica.

    Di soldi ce ne sono stati proprio per tutti. Il gotha culturale e cinematografico non si è fatto mancare nulla.

    Certo, con Berlusconi al governo e la Polverini a Roma, i tempi sono duri.

    Poveri attori e registi. Il governo non li tutela dalla crisi!

    Ricerca personalizzata