Massa Ferrari addio: Raikkonen verso un… ritorno al futuro

Felipe Massa non sarà un pilota della scuderia Ferrari nel 2014. Manca ancora l’ufficialità ma le voci insistenti che già da qualche anno volevano il brasiliano lontano da Maranello si stanno concretizzando, soprattutto a seguito delle dichiarazioni rilasciate dopo il GP di Monza.

Massa ha sempre dimostrato un fortissimo attaccamento ai colori della Rossa nel corso degli anni, negando con convinzione l’idea di non correre per la Ferrari. Tuttavia, dopo il Gran Premio di Monza, si è lasciato sfuggire che “questa è stata una gara importante ma non vuol dire che ci sia solo il rosso nel mio futuro” aprendo di fatto le porte al suo addio.

Nella giornata di domani è previsto un incontro tra il pilota brasiliano e Montezemolo, che porterà all‘ufficializzazione del cessato rapporto al termine della stagione in corso. Finirà in questo modo una storia lunga sette anni nei quali Massa ha ottenuto 11 vittorie e 36 podi ma nei quali ha soprattutto ricoperto un ruolo fondamentale di secondo pilota del team, compiendo un ottimo lavoro di squadra per i “top driver” Schumacher e Alonso. Durante la sua esperienza in Ferrari, Massa non è mai stato realmente considerato il pilota di punta e il suo vero punto di forza è stato proprio quello di accettare questo dato di fatto e dare il massimo per il team, mettendo in secondo piano i suoi obiettivi personali.

Non sarà per niente facile per la scuderia di Maranello trovare un sostituto di questo calibro, soprattutto se, come suggeriscono da più parti le indiscrezioni, sarà Kimi Raikkonen a prendere il posto del carioca nella prossima stagione. Il pilota finlandese (che è l’ultimo ad aver vinto un mondiale con la Rossa, nel 2007) è di una pasta completamente diversa rispetto a Felipe e difficilmente sarà disposto ad accettare compromessi per aiutare Alonso a conquistare il titolo, come ha invece fatto più volte il brasiliano.

L’arrivo del 34enne Raikkonen sembra ormai certo, nonostante si sia parlato negli ultimi giorni anche di Hulkenberg, giovane pilota tedesco che proprio a Monza si è reso protagonista di un ottimo weekend. La Ferrari, tuttavia, sembra preferire un pilota già vincente e di grande esperienza, andando contro alla filosofia adottata negli ultimi anni che prevedeva un solo “big” nel team. Nei prossimi giorni il probabile annuncio con la firma su un contratto biennale.

Insomma, in Ferrari stanno sostituendo un pilota che sicuramente nelle ultime stagioni non ha brillato per i risultati ma che comunque si è sempre rivelato un affidabile gregario, con un fuoriclasse come Raikkonen che, consapevole del suo talento, vorrà mettercela tutta per essere lui la prima delle Ferrari in pista, rischiando in questo modo di far crescere la già alta tensione nei box della Rossa.

 

Ricerca personalizzata