Maverick Viñales su KTM è il nuovo Campione della Moto3

Un finale emozionante quello della Moto3, di quelli che, senza preoccuparsi di essere politically correct, vorremmo tutti vedere in Motogp.

Il Mondiale Moto3 giungeva all’ultima tappa di Valencia con tre piloti a contendersi il titolo: Salom a 300 punti, Viñales a 298, Rins a 295. Una situazione ad altissima tensione per i tre contendenti ma estremamente interessante per gli appassionati, con la KTM e gli spagnoli che già godevano con discrezione, consapevoli che in ogni caso il nuovo Campione sarebbe stato un iberico in sella alla storica moto austriaca.

Il primo a dover dire addio alle speranze iridate è il capolista Luis Salom, grande favorito dei pronostici, che nonostante una buona partenza si trova poi bloccato in terza posizione e patisce il “braccino del tennista“, che lo porta a una rovinosa scivolata a una decina di giri dal termine.

I protagonisti a quel punto dovrebbero essere Rins e Viñales, unici in grado di vincere il titolo ma Jonas Folger decide di vestire i panni del perfetto outsider (tedesco su Kalex) e fa di tutto per prendersi il primo posto. Il numero 94 dura poco in testa perchè i due spagnoli, pieni dell’incoscienza che si ha solo a diciott’anni, non si risparmiano e lo passano, con Viñales che si prende la testa e cerca addirittura un allungo che in Moto3 è quasi utopia.

Rins sorpassa il rivale a due giri dal termine ma deve restituirgli la posizione nell’ultimo giro. Il divario tra i due sembra incolmabile ma Alex sa che non può arrendersi e all’ultima curva fa un’entrata killer su Viñales, senza però riuscire a tenere la traiettoria. Maverick lo supera agevolmente e vince gara e titolo, Folger approfitta allo stesso modo dell’errore e in volata si prende la 2° posizione mentre Rins è 3°, deluso ma consapevole di aver dato proprio tutto per vincere il Mondiale.

Maverick Viñales è così il nuovo Campione della Moto3, successore del tedesco Sandro Cortese. La carriera professionista del diciottenne spagnolo ha avuto inizio nel 2009, con il campionato spagnolo 125, vinto al secondo anno. L’approdo nel Mondiale 125 fu da predestinato e di conseguenza carico di aspettative, che Maverick non tradì: ottenne la prima vittoria già alla quarta gara (GP di Le Mans).

Da quando è nata la Moto3 è sempre stato competitivo e la vittoria iridata di oggi è sembrata quasi una tappa obbligatoria per la sua carriera, anche a causa del pesante nome che porta, Maverick, come il leggendario pilota (di aerei) interpretato da Tom Cruise in Top Gun.

[photo credit to: motogp.com]

Ricerca personalizzata