Milan, Allegri andrà via a fine stagione

Era nell’aria e la notizia è diventata certa qualche ora fa. Massimiliano Allegri lascerà la panchina rossonera a fine stagione a prescindere dal risultato conseguito al termine del campionato. La decisione, come ha affermato lo stesso Allegri, era stata già presa in estate ma è stata comunicata solo qualche giorno fa ad Adriano Galliani.

Si concluderà quindi dopo quattro stagioni l’avventura dell’allenatore toscano in sella al club più titolato del mondo. Dopo aver fatto la gavetta a Sassuolo e guidato egregiamente per due stagione il Cagliari, l’allenatore livornese era arrivato alla corte dei rossoneri con l’obiettivo di riconquistare lo scudetto dopo sette anni e interrompere lo strapotere dell’Inter che aveva vinto tutto. Durante la sua gestione, la squadra rossonera ha vinto nel 2011 scudetto e Supercoppa Italiana sfiorando il bis l’anno successivo piazzandosi al secondo posto alle spalle dell’imbattuta Juventus di Conte. Dopo l’inizio disastroso dello scorso anno, Allegri era riuscito a guidare il Milan fino ad un inaspettato e miracoloso terzo posto ma quest’anno la squadra ha accusato un’involuzione sul piano del gioco e dei risultati.

Per la successione è sempre d’attualità il nome dell’ex Clarence Seedorf, citato anche dall’attuale tecnico nella conferenza. Sull’olandese ha infatti affermato: “Seedorf è un giocatore molto intelligente che può avere le qualità di fare l’allenatore. Però si tratta di due mestieri molto diversi. Sono convinto che la società, come in questi 28 anni, sceglierà il giusto allenatore”. L’ex centrocampista è gradito al presidente Berlusconi e di certo non rifiuterebbe una chiamata del suo vecchio club ma il Milan può correre il rischio di affidare la sua panchina ad un esordiente oppure troverà altre soluzioni con allenatori più esperti?

Ricerca personalizzata