Milan e Juve rallentano: Inter più vicina

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=D_bj7pE6cTg[/youtube]

    Gli anticipi del sabato di serie A ci hanno consegnato due pareggi: Milan e Juventus non sono riuscite ad andare oltre l’uno a uno rispettivamente con Sampdoria e Fiorentina. Risultati che fanno gola all’Inter di Benitez, che ritrova i gol, il sorriso e un po’ di fortuna con il Parma: 5-2 dei nerazzurri, ora a -7 dalla capolista e ad un solo punto dai rivali bianconeri.

    Procediamo per gradi: a Marassi, ieri pomeriggio il Milan pareggia con la Sampdoria. Al bellissimo gol di Robinho, risponde il solito Pazzini (4 gol in 2 partite, e striscia positiva contro il Milan: negli ultimi tre anni il Pazzo ha sempre segnato a Genova contro i rossoneri). Secondo Allegri quella di ieri è stata la miglior prestazione stagionale dei suoi, non a caso il gol è arrivato dall’unica distrazione della difesa rossonera.

    [youtube]http://www.youtube.com/watch?v=RbMavNHDvdU[/youtube]

    A Torino, in serata, Vargas fa il bello e cattivo tempo sulla sua fascia di competenza: il peruviano porta la Viola in vantaggio con la complicità di Motta il gol che fa tremare gli juventini per quasi tutta la partita, almeno fino a quando Pepe segna il pari con una straordinaria punizione alla Del Piero. Neanche a farlo a posta il centrocampista bianconero ha dichiarato nel post-partita che nell’ultimo periodo si è allenato a calciare le punizioni proprio con il suo Capitano: la cosa, si è visto, ha avuto effetto.

    Alle 12.30, a San Siro, Crespo prova a far andare di traverso il pranzo ai suoi ex-compagni. Al vantaggio dell’argentino risponde due volte Stankovic, che sfrutta in entrambi la deviazione dei difensori ducali. Cambiasso, poi, realizza il 3-1 ma Crespo non ci sta e fa doppietta: 3-2. I nerazzurri soffrono l’offensiva parmense fino al 27′ del secondo tempo, quando Thiago Motta la butta dentro dopo una serie di rimpalli nell’area di Mirante. Dopo due minuti ancora Stankovic fa 5-2 e tripletta. Il pallone è suo, ma quel che più importa ai nerazzuri è aver accorciato la classifica.

    Ricerca personalizzata