Milan-Udinese: rossoneri in emergenza ma servono i 3 punti

Dopo un settembre non troppo positivo in termini di gioco e di risultati, in casa Milan speravano che ad ottobre le cose sarebbero cambiate ma finora, se possibile, sono peggiorate, soprattutto a causa di molte assenze di alcune pedine fondamentali.

Tra infortuni e squalifiche il Diavolo conta 7 indisponibili, ultimo in ordine cronologico Mario Balotelli, fermatosi in settimana per un fastidio al muscolo vasto della coscia. Contro l’Udinese, Massimiliano Allegri ha gli uomini contati in difesa e in attacco e deve rinunciare allo squalificato de Jong. In porta ci sarà il solito Abbiati, in difesa Abate e Constant sulle fasce, Zapata e Zaccardo al centro; per quanto riguarda la mediana, il tecnico toscano dovrebbe affidarsi a Montolivo, Poli e Muntari, con il rientrante Birsa che agirà da trequartista. In attacco riproposto il duo Matri-Robinho, visti gli infortuni di Balotelli, El Shaarawy e del lungodegente Pazzini. Allegri però non cerca alibi: “Andremo in campo in 11. Dovremo ridurre gli errori che stiamo facendo e pagando a caro prezzo. La squadra è concentrata. Siamo stati un giorno in più insieme, non è stato un ritiro punitivo. La giornata è servita per vedere alcune situazioni che abbiamo sbagliato. L’anno scorso alla ripresa del campionato abbiamo giocato con De Sciglio centrale, col Siena. E abbiamo fatto una bella partita. Domani si vince col gruppo, con la squadra. Il calcio è un gioco di squadra, è la squadra che esalta il singolo“.

In casa Udinese situazione decisamente migliore, Guidolin dovrà fare a meno del solo Domizzi infortunato e potrà schierare il suo 3-5-1-1 ideale, con Kelava tra i pali, Naldo, Hertaux e Danilo in difesa, Basta, Pereyra, Allan, Pinzi e Gabriel Silva a centrocampo, e Muriel dietro l’unica punta Di Natale. Il tecnico friulano in conferenza stampa ha dichiarato di non essere soddisfatto del gioco espresso dai suoi in trasferta e spera di invertire il trend a Milano : “Dobbiamo giocare un’altra partita rispetto a quello che abbiamo giocato in trasferta. Dobbiamo farcela con tutte le nostre forze. Noi dobbiamo pensare a noi stessi, sapendo che affrontiamo una squadra importante che vuole uscire dal momento di difficoltà. Dobbiamo provare a dare delle risposte positive dal punto di vista della prestazione, dal risultato se possibile e dal nostro andamento in trasferta ed è quello che tenteremo di fare“.

Ricerca personalizzata