Monti: “Niente ulteriore aumento dell’Iva, ma la riforma del lavoro si farà anche senza i sindacati”

    Torna a parlare il leader del Governo Tecnico, Mario Monti. Il Premier ha fatto il punto su diverse cose che riguardano l’Italia.

    Lavoro: la riforma per rendere, a suo parere, il mercato del lavoro più moderno e competitivo in Italia, verrà fatta anche se osteggiata dai sindacati.

    Evasione Fiscale: la battaglia continuerà ad oltranza, per rendere i sacrifici degli italiani più equi possibili.

    Ulteriore Aumento dell’Iva a Settembre: forse ci sono le condizioni per poterlo congelare.

    Ici alla Chiesa: si sta facendo un’analisi della situazione attuale.

    Spread: è sceso, ma l’obiettivo più ambizioso mira al suo azzeramento. Italia e Germania devono essere viste dagli investitori sullo stesso livello.

    Situazione Generale dell’Italia: meglio di qualche mese fa, ma bisogna essere pronti anche ad eventuali momenti ancora più duri di quello che stiamo vivendo ai giorni nostri.

    Agenzie di Rating: devono servire come stimolo ai governi per fare meglio, ma spesso sbagliano.

    Riforma Elettorale: ci devono pensare i partiti.

    Riduzione numero dei Parlamentari: ci devono pensare i partiti.

    Squadra di Governo: ottima.

    Sergio Marchionne: un grandissimo personaggio del mondo imprenditoriale a livello mondiale.

    Se colleghiamo il primo argomento trattato da Mario Monti (la riforma del mercato del lavoro), con l’ultimo (il giudizio su Marchionne), i poveri disgraziati di questo strano Paese possono continuare a preoccuparsi, perchè si evince chiaramente da che parte stia il nostro Premier. Anche il Partito Democratico (un partito, almeno in teoria, che mira a sostenere le classe medie e popolari) starà dalla stessa parte o continuerà a comportarsi come Ponzio Pilato: anche per colpa sua Gesù Cristo è stato crocifisso, succederà la stessa cosa anche ai diritti dei nostri lavoratori?

    Ricerca personalizzata