Moody’s: banche italiane più solide delle tedesche

    Classifica a sorpresa quella pubblicata dall’agenzia di rating internazionale, Moody’s, stavolta sulla solidità dei sistemi bancari.

    A sorpresa, la classifica “boccia” le banche tedesche, mentre colloca quelle italiane, con rating C.

    Meglio di noi, Finlandia, Francia e Spagna (?), con rating B-.

    Il nostro rating indica che le banche hanno una forza finanziaria intrinseca adeguata, in sostanza sono in grado di stare sul mercato, senza grosse rischi legati alla capitalizzazione e alla performance finanziaria.

    La Germania, invece, mostra un rating di C-, al di sotto, quindi, di quello italiano.

    La classifica, nei fatti, mostra sì una sorpresa, ma non tanto nella superiore solidità delle banche italiane, rispetto a quelle tedesche (è già noto, a tal proposito, che la Germania ha dovuto salvare le banche tedesche, a differenza del governo italiano), quanto rispetto alle banche spagnole.

    Il loro rating, infatti, è tra le sei nazioni europee con migliore solidità, un indice che contraddice in apparenza le previsioni negative della stessa Moody’s, che ha persino declassato alcune banche spagnole. Di certo avranno giocato un ruolo positivo le grosse dimensioni di alcuni colossi bancari spagnoli, laddove in Italia le fusioni tra istituti bancari sono un’esperienza molto più recente.

    Stanno peggio di noi le banche di Israele, Giappone, Cina e Russia.

    Nella UE, il rating più basso spetta all’Irlanda, con D-.

    Ricerca personalizzata