Rino Zurzolo, lo storico contrabbassista di Pino Daniele è morto la notte del 30 Aprile a Napoli, stroncato da un tumore. Il musicista, che a Giugno avrebbe compiuto 59 anni, combatteva da mesi contro un cancro che negli ultimi giorni lo aveva mandato in coma.

Un vero dolore sia per il mondo della musica che per i napoletani il cui sindaco Luigi de Magistris ha così espresso il proprio rammarico in una nota lasciata su facebook: “Ha raggiungo in cielo Pino Daniele. È scomparso il nostro più grande contrabbassista. Ancora poche settimane fa siamo stati insieme nel ricordare Pino nel giorno del suo anniversario. Rino è stato un talento assoluto, con competenza, professionalità e passione -sino agli ultimi giorni della sua vita- ha portato la musica partenopea ai più alti livelli mondiali. Un uomo semplice e assai sensibile, ricco di umanità. Viveva la musica con amore immenso e profondo. Con Rino scompare dalla terra un pezzo importante di Napoli, ma le sue note si mescoleranno per sempre nelle nostre vite.” Parole sentite e sicuramente condivise dai tanti fans che negli ultimi giorni si erano stretti in un abbraccio virtuale, assistendo impotenti al progressivo peggiorare del musicista.

Un artista che negli anni aveva fatto esperienze sia in Italia che all’estero, collaborando con artisti come Giorgio Gaber o Don Cherry e Billy Cobham.

Da sempre al fianco di Pino Daniele, negli anni 70 aveva fatto parte del gruppo che incise “Terra mia” il fortunatissimo album con cui il noto cantante napoletano aveva esordito. Un unione che i due portarono avanti per diversi anni, attraverso una serie di album e di concerti.

Zurzolo che è considerato all’unanimità uno dei più grandi contrabbassisti dei nostri tempi ha lavorato con impegno fin quando le forze glielo hanno permesso.

Fonti: Immagine presa da Kontrokultura.it