MotoGP, Jerez, vittoria per Stoner seguito da Lorenzo e Pedrosa

Il secondo appuntamento stagionale sul circuito di Jerez, ha saputo regalare a tutti gli spettatori una gara davvero divertente, con le moto 1000cc che finalmente hanno contribuito a rendere la corsa parecchio emozionante.

A spuntarla alla fine è stato il pilota australiano della Honda, Casey Stoner, che risponde così alla prima occasione alla vittoria di Jorge Lorenzo nel primo GP in Qatar.
Stoner passato al comando dopo quattro giri, è subito riuscito ad imporre il proprio ritmo, facendo un’ottima andatura che non ha permesso ai piloti alle sue spalle di poter rientare in lotta per il primo posto.

Alle sue spalle transita sotto la bandiera a scacchi lo spagnolo Jorge Lorenzo, che ha portato comunque a termine un’ottima gara, insidiando in varie occasioni Stoner, e chiudendo la corsa con 9 decimi di ritardo dal vincitore.

A chiudere il podio un altro spagnolo, Dani Pedrosa, partito davvero bene come spesso riesce a fare, non è stato tuttavia in grado di mantenere il proprio ritmo ai livelli dei primi due piloti, concludendo con un distacco di oltre due secondi dalla vetta.

Ottimo davvero il quarto posto del britannico Cal Crutchlow in sella alla sua Yamaha del team Tech3, che per la seconda volta consecutiva arriva ai piedi del podio, confermando se mai ce ne fosse bisogno, il suo grande talento.

Andrea Dovizioso  , Alvaro Bautista, Stefan Bradl, e Nicky Hayden completano le prime otto posizioni del Gran Premio bwin de España.
A seguire, in nona posizione, troviamo Valentino Rossi, ancora una volta lontano anni luce dalle prestazioni dei primi tre, ma che tuttavia riesce a limitare i danni in gara, migliorando abbastanza nettamente rispetto alle qualifiche di ieri.

Tra le CRT il più veloce è stato Aleix Espargarò, seguito sul podio virtuale da l’italiano Danilo Petrucci e Mattia Pasini.
Ritirati invece Michele Pirro, James Ellison e Randy de Puniet, unica caduta quella di Karel Abraham.

MOTOGP, JEREZ, ORDINE DI ARRIVO:

01- Casey Stoner – Repsol Honda Team – Honda RC213V – 27 giri in 45’33.897
02- Jorge Lorenzo – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 0.947
03- Dani Pedrosa – Repsol Honda Team – Honda RC213V – + 2.063
04- Cal Crutchlow – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 2.465
05- Andrea Dovizioso – Monster Yamaha Tech 3 – Yamaha YZR M1 – + 18.100
06- Alvaro Bautista – San Carlo Honda Gresini – Honda RC213V – + 21.395
07- Stefan Bradl – LCR Honda MotoGP – Honda RC213V – + 28.637
08- Nicky Hayden – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 28.869
09- Valentino Rossi – Ducati Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 34.852
10- Hector Barbera – Pramac Racing Team – Ducati Desmosedici GP12 – + 35.103
11- Ben Spies – Yamaha Factory Racing – Yamaha YZR M1 – + 38.041
12- Aleix Espargaro – Power Electronics Aspar – ART GP12 – + 1’12.728 (CRT)
13- Danilo Petrucci – CAME Iodaracing Project – Ioda TR003 – + 1’18.669 (CRT)
14- Mattia Pasini – Speed Master Team – ART GP12 – + 1’29.142 (CRT)
15- Ivan Silva – Avintia Blusens – FTR Kawasaki – + 1’32.478 (CRT)
16- Colin Edwards – NGM Mobile Forward Racing – Suter BMW – + 1’40.577 (CRT)
17- Karel Abraham – Cardion AB Motoracing – Ducati Desmosedici GP12 – a 1 giro

 

Ricerca personalizzata