A Natale in compagnia delle serie tv

Natale e serie tv. Per gli appassionati o meno niente di meglio di una carrellata di episodi natalizi per intrattenersi durante le feste con i propri personaggi preferiti.

Si inizia in grande stile con il classico appuntamento con Doctor Who, la serie tv britannica più longeva della televisione che dal 2005 propone un episodio speciale per Natale ambientato a cavallo tra due stagioni, per raccontare in ognuno di essi cosa è accaduto al Dottore tra una stagione e l’altra. “L’Invasione di Natale”, “La Sposa Perfetta”, “Il Viaggio dei Dannati”, “Un Altro Dottore”, “La Fine del Tempo” in due episodi, “Un Canto di Natale”, “Il Dottore, la Vedova e l’Armadio” e l’ultimo “I Pupazzi del Dottore” a cavallo tra la sesta e la settima stagione. Ancora inedito in Italia “The Time Of The Doctor”, ambientato tra la settima e l’ottava stagione e che andrà in onda proprio il 25 dicembre in Gran Bretagna.

Si torna ora al passato con una delle serie più famose degli anni Novanta e che ha cambiato l’idea di teen drama, Buffy The Vampire Slayer. Uno degli episodi più emozionanti e toccanti di tutta la serie “Espiazione” a metà della terza stagione. Il Natale è arrivato ed Angel comincia ad essere perseguitato da quelli che crede essere i fantasmi delle sue vittime; solo Buffy potrà aiutare il suo amore immortale prima che il Male Primordiale lo distrugga.

Una serie che ha rivoluzionato il medical drama, il migliore dai tempi di E.R., Grey’s Anatomy. Nelle dieci stagioni sono più d’uno gli episodi dedicati al Natale, ma memorabile è “Conciati per le feste”, il numero dieci della stagione sei; in un’unica puntata si raccontano le vicende del Seattle Greace Hospital dal Giorno del Ringraziamento a Capodanno, con un emozionante monologo della Dottoressa Bailey, durante la cena di Natale da Meredith, per fare comprendere al padre le ragioni del suo divorzio.

Particolare è il Natale nell’ufficio dell’NCIS, dove i sentimenti non posso avere spazio durante le giornate di lavoro; ma quando si lavora anche a Natale è difficile, specialmente se in arrivo c’è il padre di Tony. Si tratta dell’episodio dieci della decima stagione “Sorprese di Natale” durante il quale la squadra indaga sulla morte del marito di un marine ma nel frattempo verrà scoperta una truffa alla zecca di milioni di dollari.

Una serie inglese di ambientazione storica, che ha fatto molto successo in Gran Bretagna ma arrivata con un po’ di ritardo in Italia; si tratta di Downton Abbey, al momento composta di tre stagioni, ognuna della quali racconta un decennio di storia. Alla fine della seconda stagione uno speciale di novanta minuti ambientato durante il Natale 1919 con tutte le conseguenze portate dalla prima guerra mondiale. Ancora inedito in Italia, ma arriverà probabilmente il prossimo gennaio, l’episodio natalizio della terza stagione dal titolo “A Journey To The Highlands”, ambientato durante il Natale 1921.

Un episodio di Glee che celebra un film natalizio diventa una puntata ad alto tasso di magia del Natale; si tratta di “Glee, Actually” (tradotto con poco gusto in “Il Miracolo Di Natale”), episodio dieci della quarta stagione. Il Glee Club si diletta, e lo spettatore con esso, tra canzoni natalizie da “Jingle Bell Rock” a “White Christmas”, e fantasiose come “Feliz Navidad” o “Hanukkah Oh HAnukkah” per addolcirsi alla fine tutti insieme con “Have Yourself A Merry Little Christmas”.

Altro medical, ma di tutt’altro genere e con altre temperature. Questa volta ci si trova negli Hamptons, la parte orientale di Long Island dove sono le ville della parte più “in” di New York. E qui niente ospedale per i ricchi, ma medici a domicilio come Hank di Royal Pains. Giunti alla fine della quarta stagione Evan e Paige sono pronti a sposarsi, ma un episodio in due parti “Off-Season Greetings” ricco di peripezie tra Las Vegas e bugie del passato separa i due dall’altare. Nemmeno un uragano riuscirà però a fermarli.

Non poteva certamente mancare la serie americana più horror della televisione, arrivata con ritardo sulle tv italiane, American Horror Story. Ogni stagione ha personaggi, location e trama differenti, da serie antologica. Teatro della seconda stagione un istituto psichiatrico dove si manifestano le più terribili paure dell’animo umano. Perfino il Natale non sarà risparmiato dal terrore, con uno spietato Babbo Natale che arriva a Briarcliff nell’episodio “Unholy Night”, tradotto con “Lo Spirito del Natale”.

Per chi ha amato i siparietti di Ally McBeal durante gli spettacoli natalizi o le feste organizzate in casa Walker e a Wisteria Lane certamente anche quest’anno tra repliche e stagioni inedite non rimarrà deluso.

Ricerca personalizzata