Niente en plein per La grande bellezza: il film di Paolo Sorrentino, candidato agli Oscar che si terranno domenica notte a Los Angeles, non si è aggiudicato, a dispetto dei pronostici, il premio César per il miglior film straniero.

Il riconoscimento, assegnato dall’Acàdemie des art set techniques du cinèma, è andato quest’anno all’opera Alabama Monroe, Una storia d’amore (The broken circle breakdown): il film, diretto dal belga Felix von Groeningen, sarà avversario de La grande bellezza anche agli Oscar.
Alabama Monroe ha battuto inoltre la concorrenza di Blancanieves (Pablo Berger), Blue Jasmine (Woody Allen), Dead man Talking (Patrick Ridremont), Django Unchained (Quentin Tarantino) e Gravity (Alfonso Cuaròn).

Nulla da fare dunque per Sorrentino, a cui non riesce il grande slam dopo il trionfo agli European Film Awards di dicembre, ai Golden Globes e ai BAFTA. A poche ore dalla grande notte del Globe Theatre, l’exploit ai César del film belga non sembra comunque cambiare gli equilibri per la vittoria finale.

La commedia Les Garcon e Guillaume, a table!, arrivata in Italia col titolo Tutto sua madre, si è aggiudicato invece il premio come miglior film, ottenendo anche i riconoscimenti per il miglior attore, lo stesso Gallienne , la miglior sceneggiatura e il miglior montaggio. Nella categoria miglior regista premiato Roman Polanski per il suo ultimo film, Venere in pelliccia.

Durante la cerimonia, spazio anche alle curiosità: l’attore comico francese Kev Adams, seguendo la moda del momento, ha scattato un selfie in compagnia dell’attrice belga Cécile de France, con la platea sullo sfondo. Un pò come aveva fatto a Sanremo il nostro Francesco Sarcina.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=EFeUhapa_jc[/youtube]