Nigeria, nuovi attentati da parte di Boko Haram

A causa di una serie di attentati, lo scorso sabato in Nigeria hanno perso la vita almeno novanta persone.
Come riferito da alcuni testimoni, probabilmente a continuare queste folli e devastanti forme di violenza è il gruppo integralista islamico Boko Haram, l’organizzazione terroristica jihadista fondata nel 2001, che vuole abolire a tutti i costi il sistema secolare e l’imposizione della Shari’a (la Legge di Dio) del Paese.

A Mainok, un villaggio a nord-est della Nigeria, mentre gli abitanti si preparavano come consuetudine per la preghiera della sera, decine di uomini vestiti con le classiche e note uniformi dell’esercito, hanno iniziato a lanciare granate e a sparare alla folla con dei fucili mitragliatori.
Le persone che hanno perso la vita in questo primo e terribile attacco sono circa trentanove e si stanno cercando ancora dei dispersi.
I sopravvissuti hanno individuato uno degli integralisti, lo hanno catturato e linciato all’istante; l’uomo è morto poco dopo in ospedale a causa delle profonde e numerose ferite riportate.

Questo attentato è avvenuto in contemporanea con quello di una città vicina, Maiduguri, la capitale di Borno.
Qui sono state lanciate improvvisamente due autobombe, causando almeno cinquanta morti. Secondo quanto riferito dalla Croce Rossa nigeriana, tra i deceduti ci sarebbero anche alcuni bambini che partecipavano con le rispettive famiglie ad una cerimonia nuziale.

La notizia di questa strage è giunta in Italia solo nel tardo pomeriggio di ieri, a causa della difficoltà di comunicazione con la remota zona nord-orientale della Nigeria.

[Credits foto: Reuters]

Ricerca personalizzata