Oliver Stone e Shia LaBeouf per “Pinkville”

    Oliver Stone torna a parlare, a distanza di tre anni, del suo grande progetto “Pinkville” film drammatico incentrato sul conflitto vietnamita e che sarebbe dovuto entrare in produzione già nel 2007. Dopo essersi arenato, il progetto sembra essere tornato sui binari giusti e Stone sembra intenzionato ad affidarlo al suo nuovo pupillo Shia LaBeouf.

    “Pinkville” tratterà del massacro del 1968 nel villaggio di My Lai, dove le forze USA trucidarono 367 cittadini locali, come forma di vendetta nei confronti dei soldati Viet-cong. A fermare questo crudele spargimento di sangue fu il sottoufficiale Hugh Thompson Jr., che con il suo elicottero minacciò di attaccare i suoi stessi compagni d’armi pur di placare il massacro. Sarà solo l’inizio di un’ indagine militare portata avanti dal generale William R. Peers, che dovrà scoprire la verità su quella tragica vicenda.

    Il film nel 2007 era pronto alle riprese, ma lo sciopero degli sceneggiatori ne compromise la realizzazione. Il cast era già stato scelto e figuravano grandi nomi come Bruce Willis, Woody Harrelson, Michael Pitt e Cam Gigandet, con Channing Tatum scelto per essere il protagonista della vicenda.

    Ora sembra invece questo delicato ruolo sia stato offerto a LaBeouf, che ha notevolmente meravigliato Stone durante le riprese del sequel di “Wall Street“, entrando nelle grazie del regista che con lui vorrebbe portare avanti questo difficile progetto.

    Ricerca personalizzata