Pallone d’Oro: Messi, CR7 e Ribery i tre finalisti

Le premesse sono state rispettate. Lionel Messi, Cristiano Ronaldo e Franck Ribery saranno i tre finalisti che si contenderanno il Pallone d’Oro FIFA 2013, come era prevedibile e come ipotizzavano tutti gli addetti ai lavori.

Ma andiamo ad analizzare nel dettaglio la stagione vissuta dai tre calciatori, cercando di spiegare cosa potrebbe far pendere l’ago della bilancia verso Barcellona, verso Madrid o verso Monaco di Baviera. Messi, attuale detentore del premio e reduce da quattro vittorie consecutive, non ha vissuto un 2013 particolarmente felice. Ha vinto la Liga, la Supercoppa di Spagna e la Scarpa d’Oro, oltre a permettere all’Argentina di qualificarsi per il Mondiale brasiliano, ma si è infortunato spesso, non riuscendo a dare continuità alle proprie prestazioni e in generale non è sembrato il Messi stratosferico di un paio di anni fa. Inoltre la pesante sconfitta subita in semifinale di Champions contro il Bayern Monaco potrebbe pesare sulla decisione finale.

Cristiano Ronaldo, già vincitore nel 2008, sembra il candidato numero 1 per la vittoria finale. Dopo due secondi posti il portoghese meriterebbe di conquistare nuovamente il Ballon d’Or, vista la condizione fisica straripante e la media gol pazzesca di questo inizio di stagione (25 reti in 18 gare disputate, circa 1,4 gol a partita ndr). Gli zero trofei di squadra conquistati vengono compensati dalla straordinaria prestazione nello spareggio contro la Svezia di Ibrahimovic, nel quale CR7 ha realizzato 4 reti e ha trascinato praticamente da solo il Portogallo alla rassegna intercontinentale.

Infine Ribery, meno prolifico dei due avversari, ma altrettanto decisivo nel corso dell’annata che sta per concludersi. Nella scorsa stagione ha vinto tutto con il Bayern Monaco, realizzando il cosiddetto Triplete e risultando decisivo nei momenti topici, vedi l’assist per il gol di Robben nella finale di Champions League contro il Borussia Dortmund. Nelle prime 19 partite stagionali è già arrivato a quota 10 gol, solo uno in meno rispetto all’annata precedente, mostrando più freddezza ed incisività sottoporta.

(foto foxsports.com)

Ricerca personalizzata