Pasta integrale con gamberi e pomodorini

Buongiornoooooooooooooooo!!!!

Quello che vi propongo oggi è un piatto decisamente salutare e dietetico con qualche info sulla pasta integrale, nostra alleata, e sui pomodri e sugli usi che se ne possonoo fare fuori dalla cucina 😀

Pasta integrale con gamberi e pomodorini

Per 2 persone
200 gr di penne integrali
20 pomodorini ciliegini o pachino
200 gr di code di gambero
3 cucchiai di prezzemolo grattugiato
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di pane grattugiato
5 filetti di alici sott’olio
2 cucchiai di grana grattugiato
Olio EVO
1/4 di bicchiere di vino bianco
3 foglie di basilico
sale e pepe

Mescolate insieme il grana, il prezzemolo e il pane grattugiato. Tagliate i pomodorini in due, privateli dei semi e riempiteli con il composto ottenuto. Irrorateli di olio e fateli cucinare in padella fino a quando si ammollano. Toglieteli e fateli raffreddare in un piatto. Nella stessa padella versate le code di gambero sguciate con uno spicchio d’aglio, mescolate, aggiungete un altro filo d’olio, aggiustate di sale e pepe e versate il vino. Fate saltare i gamberi e toglieteli quando saranno belli dorati. Fateli raffreddare, conservando il sughino. Cucinate le penne in abbondante acqua salata, scolatele al dente sotto l’acqua fredda e versatele in una terrina. Versate nella terrina i gamberi freddi con il sughino, i pomodorini e le alici spezzettate. Mescolate bene il tutto, guarnite con le foglie di basilico e tenete in frigo fino al momento di servirle.

I vantaggi della pasta integrale

La pasta integrale, è identica a quella tradizionale: stessi formati (lunga o corta), un colore appena più scuro, dovuto al fatto che è ricavata con semola di grano non privato della parte più esterna. I suoi vantaggi?

  • Ha tante fibre alimentari e questo lo devE proprio al suo ingrediente base, la semola di grano: 6 g di fibre in 100 g.
  • Fa dimagrire la pasta integrale contiene circa 30 calorie in meno di quella tradizionale.
  • l’alta quantità di fibre fa raggiungere molto presto un senso di sazietà.

Tuttavia c’è qualche difetto
La pasta integrale, rispetto a quella tradizionale, ha qualche punto debole:

  • Meglio non mangiarla tutti i giorni come tutti gli alimenti integrali, anche la pasta contiene acido fitico, una sostanza che riduce l’assorbimento da parte dell’organismo di nutrienti come il ferro ed il calcio. Ecco perché, per legge, la pasta integrale deve essere arricchita con ferro e vitamine.
  • Ha tempi di cottura più lunghi le fibre interagiscono con il calcio contenuto nell’acqua. Quindi, più l’acqua è ricca di calcio, più si allunga il tempo di cottura della pasta integrale.

QUELLO CHE DOVRESTE SAPERE SUL….POMODORO!

Stop ai brufoli!

Anche i rimedi casalinghi sono numerosi. Innanzitutto il pomodoro è un ottimo alleato per combattere la tendenza ai brufoli: è sufficiente massaggiare il viso con una fettina ben lavata, una o due volte al giorno. Per nutrire le pelli asfittiche

Per ammorbidire e nutrire le pelli aride e asfittiche è perfetto il succo di pomodoro: occorre mescolarlo con un’uguale quantità del frullato ottenuto miscelando olio d’oliva (o di mandorla), radici e foglie di malva. Se la pelle è grassa, trae giovamento dalle applicazioni di compresse imbevute di succo di pomodoro e olio d’oliva, a cui va aggiunto un po’ di succo di limone. La coppia vincente succo di pomodoro + olio d’oliva si rivela efficace anche per lenire la pelle dopo un’eccessiva esposizione al sole: oltre all’effetto emolliente, l’abbronzatura durerà più a lungo! Scottature Per le piccole scottature domestiche, una fettina ben lavata di pomodoro sulla parte ustionata è un eccellente rimedio.

Per pulire l’ottone macchiato dal verderame, basta strofinarlo con la polpa di un pomodoro maturo, poi sciacquarlo e lucidarlo con un panno di lana.

Del pomodoro sono utili anche le foglie: schiacciate, aiutano ad alleviare il bruciore causato dalle punture d’insetto, mentre una manciata in alcuni recipienti, da distribuire nelle varie stanze di casa, tiene lontane le zanzare. Per le mani Anche le mani possono diventare più belle, adoperando la metà di una bacca come se fosse una saponetta. Si asciugano le mani all’aria, poi si sciacquano con acqua tiepida e la pelle risulta più chiara, pulita e morbida.

Ricerca personalizzata